Libri su altre culture, Cucina giapponese di casa

Se è vero che un paese lo conosci soprattutto attraverso i suoi riti dello stare in cucina e a tavola, non può mancare sul nostro scaffale riservato ai viaggi uno degli esempi più riusciti di ricettari orientali spiegati come semplice tran tran casalingo. Che poi così banale non è, visto che il libro di cui vi parlo oggi è opera di una vera e propria celebrity nel campo del food-writing giapponese; lei si chiama Harui Kurihara e il libro si intitola Cucina giapponese di casa ( Guido Tommasi Editore ). Perchè leggere questo ricettario? Per conoscere la scintilla che anima una passione sincera verso il cucinare; è un dispensario di ricette da vivere nel quotidiano, con i trucchi semplici che ti facilitano la vita tra i fornelli e ti fanno rianimare un piatto comune e scontato come i fagiolini lessati. Qualcosa che potrebbe interessarvi ed esservi molto utile per la cena di San Valentino, o un bel regalo da fare agli appassionati di cultura nippon . Per prima cosa verrete ferrati sulla dispensa essenziale e poi verrete orientati verso uno dei princìpi cardine di questo modo di cucinare: i diversi modi di tagliare carne, pesce e verdure (che vuole la leggenda, cambiano così il loro sapore a prescindere da cottura e condimenti). E poi le ricette, ma non aspettativi del banale sushi; qui si parla di quello che i giapponesi mangiano abitualmente. I nomi sono originali e altamente esotici, voi non lasciatevi intimorire, è tutta roba che potete riprodurre sul tagliere di casa senza andare a cercare gli ingredienti chissà dove; ogni preparazione è corredata da un piccolo approfondimento con spirito molto personale (di solito un consiglio generoso e spassionato) e dalle foto molto belle (nel food-writing, la foto fa molto se non tutto) di Jason Lowe.

Leggi questo post:
Libri su altre culture, Cucina giapponese di casa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *