L’incredibile biblioteca mongola di Ordos

Sono libri giganti e all’interno è possibile leggervi, ma non nella maniera classica, perché al di là di tutto quello che si potrebbe immaginare in termini di letteratura sperimentale ed evoluzioni tecnologiche applicate, i tomi in questione hanno una considerabile stazza in cemento e un’altezza a dir poco impressionante. Un po’ come nella composizione strutturale della BNF di Parigi , la forma libresca ha assunto in questa mecca mongola situata nella località di Ordos , un significato fondante, in tutti i sensi della parola. L’incredibile biblioteca, che si presenta sotto la forma di tre libri inclinati, contiene infatti la bellezza di 200.000 opere , delle quali 15.000 in khalka , la lingua ufficiale della mongolia. A New Ordos, situata all’interno della città-prefettura nella regione autonoma della Mongolia Interna (nuovo eldorado che può vantare un terzo delle riserve di gas naturale e un sesto di quelle di carbone dell’intero paese) a nord-est della Cina e costruita a tavolino dal governo cinese, vi

Vai avanti:
L’incredibile biblioteca mongola di Ordos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *