Sylvia non era solo triste…

Fondazione Pini, Corso Garibaldi 2 Pomeriggio speciale al Circolo dei Lettori – Fondazione Pini, protagonista Sylvia Plath. Ce ne dà l’occasione un bel libro appena uscito da Guanda: La grande estate di Elizabeth Winder, dove si racconta l’arrivo a New York, nel giugno del 1953, della giovanissima poetessa. Sylvia ha lasciato il Massachusetts per uno stage nella redazione del prestigioso magazine Mademoiselle, dalle cui pagine moda e cultura, nuovi costumi e nuovi scrittori vengono proposti a un pubblico femminile che sta cambiando. Come l’America nuovo, moderno epicentro dell’Occidente. Ha vent’anni e ha messo in valigia due tubini neri, calze di nylon, borsetta e scarpe rosse… “Il mondo si è spalancato davanti ai miei occhi sbalorditi e ha sviscerato i suoi succhi, come un’anguria spaccata”, …

Segui il post originale:
Sylvia non era solo triste…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *