Winter, di Asia Greenhorn

Winter , di Asia Greenhorn è un libro urban fantasy YA un po’ misterioso, probabilmente il primo volume di una saga. L’autrice, che vive in Italia, ma è nata in Inghilterra, ha madre inglese e padre italiano, diploma italiano e laurea inglese, non si chiama veramente Asia Greenhorn, ma in tutt’altro modo. Per adesso, però, ha deciso di rimanere anonima . L’editor del libro, Francesco Gungui, racconta di aver trovato, una mattina, un dattiloscritto sulla sua scrivania. Su di esso campeggiava l’intrigante titolo L’ultima erede (titolo che, pur essendo perfettamente in linea con la trama, sarà poi cambiato in Winter per motivi editoriali). L’editor, dopo una notte passata a leggere il libro ne era rimasto così colpito che aveva telefonato all’autrice la mattina immediatamente successiva. Il romanzo era stato accettato. Era fatta. Non rimaneva che il delicato compito di “aggiustamento” che ogni …

Leggi oltre nell’articolo originale:
Winter, di Asia Greenhorn

1 commento to “Winter, di Asia Greenhorn”

  1. Winter è il primo di una nuova serie per adolescenti con protagonisti vampiri. Colpita dalla bellissima copertina e dalla trama, ho deciso di leggere questo libro. Il mio giudizio globale sul romanzo: carino ma manca qualcosa.
    Bisogna considerare che essendo il primo volume molte cose rimangono in sospeso ma almeno il finale non lascia l’amaro in bocca (qualche mistero viene svelato).
    Il romanzo ha uno stile scorrevole senza dubbio ma delle volte non è facile orientrasi nell’universo vampiresco creato dall’autrice perché lo descrive dando tutto troppo per scontato, inoltre, avrei anche cercato di approfondire le descrizioni fisiche di alcuni personaggi (e non sono pochi!).
    Il punto di vista (il principale è quello di Winter) cambia abbastanza spesso, però non è di alcun disturbo per il lettore salvo quando avviene troppo repentinamente rendendo la cosa meno agevole (per fortuna non avviene troppo di frequente).
    La storia d’amore seppur romantica e dolcissima, sboccia un pò troppo rapidamente per i miei gusti per cui mi è sembrata poco credibile (sembra che a legare i due protagonisti non sia amore ma la magia del sangue).
    La trama può ricordare altri libri dello stesso genere ma allo stesso tempo ha qualcosa che lo rende particolare. La storia è interessante, buon ritmo e riesce davvero a tenere il lettore incollato fino alla fine soprattutto per quanto riguarda il misterioso personaggio che trama nell’ombra e il fatto che tutti sembrano nascondere qualcosa.
    Prenderò sicuramente il secondo volume sperando in un miglioramento.

Lascia un commento