Category Archives: Internet

La reputation sul web

Personal branding

Affermarsi e crearsi un’identità all’interno della società è il nostro obbiettivo giornaliero.
Neanche ce ne rendiamo conto, poichè è in realtà un processo innato, ma le nostre azioni sono volte a mostrare il nostro volto, vestiti , idee in modo tale da darci un certo carattere agli occhi altrui.

La stessa cosa avviene per un’azienda, un brand. Così come noi, l’azienda si deve costruire una certa fama, una reputazione.

La Brand reputation

Ecco perchè ogni giorno sentiamo parlare di brand reputation.

La brand reputation o reputazione della marca, identifica la web reputation riferita al nome di un prodotto, di un’azienda o di un marchio, ovvero quanto e come il nome di un prodotto o di un marchio è conosciuto e apprezzato sul web.
La brand reputation non dipende solo dalla comunicazione dell’azienda, come era prima dell’avvento del digital marketing, ma è il risultato di un processo collettivo, nel quale hanno un ruolo fondamentale tutti gli stakeholders dell’impresa e la reputazione finisce per dipendere da come essi percepiscono il brand e le azioni che l’azienda intraprende quotidianamente. La reputazione di un brand diventa elemento centrale nelle strategie di comunicazione aziendale.

In un’ottica vincente di strategia web marketing, il processo di creazione di una brand reputation è fondamentale.
La reputazione, ovvero la percezione che i clienti avranno dell’azienda, è fondamentale per la sua espansione.

Basti pensare a quando noi stessi vogliamo acquistare un prodotto: ci basiamo sulla percezione o le opinioni che abbiamo di questo prodotto e sulla “fama”della ditta stessa.

Brand reputation e web

Come crearsi quindi una brand repution?

Uno dei canali più in voga è il web. E grazie a diverse azioni di web marketing è possibile andare a proporre un’immagine della propria azienda.
Di certo i social networks sono uno fra gli strumenti più utilizzati, grazie ai quali è anche possibile mostrarsi oltre che interagire con i propri clienti.

Acquisire una brand reputation è oggigiorno fondamentale, spero che l’abbiate capito!

 

 

Applicazioni serverless, cloud e microservizi

applicazioni serverless

Salvare fotografie e note sul cloud.
Guardare un film su Netflix.
Comprare un oggetto su Amazon.
Cosa avranno mai in comune queste tre azioni apparentemente così diverse?

Alla loro base la stessa tecnologia

Avete mai sentito parlare di serverless computing? A dire il vero, in altra forma, vi garantisco che ne parlate costantemente e soprattutto lo utilizzate abitualmente.

I tre esempi sopracitati infatti si basa sulla stessa tecnologia di fondo: il serverless computing.
Che cos’è quindi il serverless computing?

Il Serverless computing è un modello di esecuzione di cloud computing in cui il provider cloud gestisce dinamicamente l’allocazione delle risorse del computer. Il prezzo si basa sulla quantità effettiva di risorse consumate da un’applicazione, piuttosto che sulle unità di capacità pre-acquistate. Si tratta di una forma di utility computing.

Cloud e microservizi

Il cloud è, per definizione, un sistema virtuale di archiviazione, elaborazione e trasmissione dati che trova “appoggio” in internet.
Insomma, una spazio virtuale dove noi “mettiamo le nostre cose” per poterle ritrovare su altri dispositivi o creare un backup dati.

I microservizi invece derivano dal fatto che, come nel sistema di netflix, è possibile usufrire di servizi on demand e pagare solo per i contenuti visualizzati di cui si ha usufruito.
In questo caso parliamo di un basilare risparmio di denaro.

Ma il primo, in ordine di tempo, ad aver lanciato un servizio serverless computing è stato Amazon nel 2014.
Amazon ha infatti acconsentito agli sviluppatori di creare delle funzioni cloud-based che poggiano e vengono gestiti dai suoi data center.

Il vantaggio nel mondo IT

Visto che conosciamo bene i vantaggi nel nostro campo di applicazione, la domanda ora è:  qual è il vantaggio che ne trae il mondo IT?

Risposta semplice: i programmatori potranno concentrarsi sulla programmazione delle applicazioni senza curarsi delle problematiche relative al server virtuale che viene invece gestito da terzi.

Insomma, a conti fatti, questo cloud ci è davvero amico!

Trovalost.it, il cerca-offerte per servizi di hosting è di nuovo online

Una versione completamente rinnovata del trova-offerte per web hosting trovalost.it è di nuovo online: migrando la versione originale del sito migliorhosting.biz, ed aggiungendo alcuni servizi extra oltre alla possibilità per gli utenti di pubblicare recensioni e opinioni sui servizi, è stato possibile valorizzare il brand del sito in una direzione nuova, più ad ampio respiro e con la ferma intenzione di differenziarsi dalla concorrenza del settore, spesso ferma a concetti stantii di article marketing e di pratiche SEO black hat incuranti degli utenti.

La nuova grafica del sito trovalost.it, con l’immagine fumettistica di una naufraga persa (presumibilmente) su un’isola deserta, rappresenta i vari webmaster alla perenne e, spesso insoddisfatta, ricerca di un servizio di hosting decente e/o adatto alle proprie necessità. Tutti sembrerebbero infatti essere i migliori, tutti possiedono un uptime elevato, su Trovalost questo non succede: le offerte sono presentate rigorosamente sulla base della popolarità del momento, con un filtro di priorità implementato da Salvatore Capolupo (responsabile del progetto) per mostrare le offerte più economiche in home page. In alto a tutte le pagine, inoltre, sono presenti le offerte del momento, che vanno in rotazione, mentre le offerte possono 1) essere inserite direttamente dai responsabili dei servizi 2) essere segnalate dagli utenti del sito 3) essere inserite dal responsabile una tantum. Sempre tantissime novità, quindi, per questo interessante sito che è disponibile, ormai da qualche tempo, in versione responsive adatta quindi a desktop, tablet, cellulari e compagnia.

Non solo, comunque, un semplice servizio per trovare il prezzo più basso, bensì un portale multi-servizi completo che offre, ad esempio, la possibilità di trovare rapidamente domini scaduti .it a costi bassissimi, tutorial su WordPress, guide per internet e recensioni dei nuovi servizi. All’interno della sezione comparazione offerte, invece, è possibile mettere a confronto mediante comode tabelle gli hosting dedicati, condivisi, cloud e VPS più celebri ed utilizzati del momento. Trovalost.it si pone come uno dei servizi di comparazione prezzi più interessanti sul web, soprattutto per quello che riguarda i servizi online: presto la sezione commerciale sarà espansa con numerose offerte extra, sia per i clienti (coupon sconto) che per gli hoster (vendita di spazi pubblicitari fissi).

È inoltre possibile iscriversi al feed RSS del blog per essere aggiornati in tempo reale su tutte le novità del sito.

Cerca spedizioni: ora si può!

Avete fatto un acquisto su internet e non sapete dov’è il pacco? Un vostro amico o parente vi ha spedito un regalo o un giubbotto dimenticato, ma non sapete come rintracciarlo poiché non conoscete il corriere? Possono essere tanti i motivi per cui si effettua una spedizione o appunto si riceve un pacco, l’importante però è che la spedizione sia tracciabile attraverso il numero di tracking.

Quello delle spedizioni è un settore che ha tratto solo benefici dall’avvento del web. C’è un servizio, in particolare, che sfrutta tutto il potenziale offerto da internet: il cerca spedizioni. Si tratta di un sistema di ricerca avanzato che consente a chiunque di sapere, gratis, dove si trova il pacco spedito senza bisogno di conoscere il corriere espresso che lo trasporta. Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Il cerca spedizioni è un servizio telematico condiviso dai principali spedizionieri d’Italia e d’Europa. Il principio che sta alla base di questo servizio è semplice quanto efficiente. Ogni spedizione, infatti, è contraddistinta da un codice numerico o alfanumerico unico. Ciò significa che quel numero sarà legato alla vita della singola spedizione: da quando il pacco è nelle mani del corriere espresso, fino alla consegna. In quei 2/3 giorni si potrà far riferimento a questo codice per conoscere lo stato d’avanzamento della spedizione. Come? In rete ci sono degli appositi servizi gratuiti per il cerca spedizioni, cioè per sapere esattamente dove si trova il pacco spedito. Una volta approdati sulla pagina web di riferimento, ciò che si potrà vedere è un campo vuoto in cui inserire il codice univoco della spedizione. Dopo aver dato conferma, in pochi secondi si potrà conoscere sia la “vita” della spedizione che il corriere espresso che se ne occupa.

Sono varie le possibilità di risposta del “cerca spedizioni”. Nel caso più fortunato, la consegna risulta già effettuata. Il pacco, quindi, è già nelle mani del destinatario, e il mittente potrà tirare un sospiro di sollievo. In genere, però, se si è in cerca di informazioni a riguardo è perché si dubita che la consegna non sia ancora avvenuta, e c’è apprensione per le merci in spedizione. Allora si può scoprire che il pacco è in giacenza presso un centro di smistamento, a pochi chilometri dal destinatario. Oppure che è in viaggio, magari su un treno o un mezzo gommato.

Insomma, il “cerca spedizioni” è quanto di meglio possa desiderare il mittente, o il destinatario, apprensivo che non trova pace finché non sa che il suo pacco è arrivato a destinazione. Come già detto, questo servizio è messo a disposizione dai siti di spedizione in maniera completamente gratuita.