Il giorno dopo la morte di Senofonte

Il 16 Giugno 2008 è morto Mario Rigoni Stern.

E’ una perdita molto grave per il nostro paese…
MRS era tornato dalla guerra per testimoniare quello che era successo sul fronte italiano negli anni oscuri del secondo conflitto mondiale che lui ha vissuto dal principio, quando i cavalieri dell’ Apocalisse cominciarono a passeggiare tranquillamante per l’ Europa, fino all’epilogo in un campo di concentramento tedesco mentre su Berlino echeggiava “Il Crepuscolo degli Dei” di Wagner.
Da quel campo di concentramento MRS ritornò a piedi fino a casa portando con se’ ogni momento vissuto.
La sua è una testimonianza senza inclinazioni di parte.
Racconta quello che successe… semplicemente, senza sventolare bandiere di questa o quell’ altra parte.
Attraverso di lui rivivono i nostri nonni e i nostri zii e tutte quelle persone (molte) che sono “andate avanti”.
Erano tutte dentro di lui e lui le trasferiva nei suoi libri…

Elio Vittorini lo definì “scrittore non di vocazione” per il suo attingere dall’esperienza vissuta… ma il caro Elio si sbagliava. Forse pronunciò questa frase senza pensarci, ingabbiato nel ruolo che lui e la società  interpretavano in quel momento. Non so…
Ebbene caro Elio, MRS è uno scrittore… e basta.

Grande scrittore… ha lavorato come impiegato fino alla pensione e nella vecchiaia ci ha lasciato preziose testimonianze sulla vita nei boschi e sulla natura in genere.

Ora, lo spirito di Senofonte tornerà a vagare finchè non troverà un bambino che sarà testimone della guerra di domani e in esso si fonderà così come aveva fatto con MRS…

A presto…

Recensione di Montag

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.