Aforismi. Linee di seta, di Fabrizio Caramagna

Il giorno ansima nell’urgenza. Solo la notte si lascia respirare. Il futuro è avvolto nel silenzio, anche se ci urla addosso non riusciamo a sentirlo Ci vuole del tempo per fare un breve filo di seta. Un filo di seta, ovvero un aforisma – una “implosione delle parole” e una “esplosione di senso”, come lo definisce Fabrizio Caramagna in questo Linee di seta (Lietocolle) – dipende sempre da un gelso dalla tarda fioritura e dalla digestione lenta del baco. Di Linee di seta, che raccoglie anche alcuni aforismi contenuti in Contagocce , non posso che proporvi che un breve percorso di senso al suo interno, fatto naturalmente dal mio personalissimo punto di vista. Aleggia secondo me in tutta la raccolta, fortemente, la domanda sull’essenza dell’uomo (Ogni giorno il sole si leva e tramonta, il vento soffia, l’uccello canta. Ma l’uomo, cosa fa l’uomo?) a differenza della perfetta incoscienza e perfezione della natura, in cui Animali, piante, fiori ogni mattina giocano al gioco dell’essere. Ci sono stelle che sono viste anche dai grilli, e stelle che sono viste solo dai grilli. Siamo parte di una armonia in cui non sappiamo trovare ruolo, forse proprio per questa separazione dalla natura stessa (“si stirò per un attimo fino a diventare nuvola, ma poi si intrecciò su se stesso fino a diventare gabbia”) e allo stesso tempo non comprendiamo cosa ci sia al di là di una soglia che la natura stessa aspira a varcare (il vento accarezza l’albero e la montagna, ma chi accarezzerà la sua carezza?). Oltre la soglia c’è un Dio mai nominato, percepito come assente nel desiderio che di Lui sa ispirare così bene solo la solitudine (Nel deserto un granello di sabbia tra milioni e solo il vento lo …

Vedi post:
Aforismi. Linee di seta, di Fabrizio Caramagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code