Aforismul in Italia, antologia di Torino in sintesi

Il narcisista: “E ora parliamo un po’ di te: mi ami?” (Maria Luisa Spaziani) E’ un piacere segnalare questa edizione bilingue italiano-romeno (editura Focus), che raccoglie una bella antologia del premio Torino in sintesi , riservato alla scrittura aforistica. E’ un piacere perché vi ho ritrovato “il meglio” di tanti autori che ho letto, e che vi ho segnalato, in questi ultimi mesi (soprattutto grazie alla insostituibile “bussola” di Aforisticamente , va detto) e che sono fra i vincitori o fra i giurati/fondatori del premio. Ne ho amati tanti, in primis Silvana Baroni , perché, se l’aforisma è “un’apocalisse provocata da un colpo di spillo”, come dice l’ottimo Mauro Parrini , lei riesce secondo me a farci crollare il mondo alle spalle con un sorriso (”ogni bambino per sua natura è curioso. Poi va a scuola”) o al massimo un’alzata di sopracciglio, come quando scrive che “la seconda metà della vita o è finalmente la prima o inesorabilmente l’ultima”. Di Parrini ho già parlato diffusamente in un altro post , e qui non posso che rimandare alle sferzanti “scritture corte” e poetiche di Rinaldo Caddeo (”Dio è la formica che hai calpestato, chiedendoti dove era Dio”), o di Donato Di Poce (impareggiabile il suo “io non ho certezze e non ne sono nemmeno sicuro”). Mi beo con i voli immaginifici di Fabrizio Caramagna (”quando si descrive la neve, si dovrebbe cominciare dalle risate dei bambini”) e vi invito a scoprire con me i contributi del lucano Antonio Castronuov o (“amava l’umanità, ma non sopportava il vicino di sopra” e “nessuno lo amava di più quanto il parassita”) o l’emiliana Marcella Tarozzi (“per ridere basta pungolare la normalità”, e “apprendista: lo scrittore che si ingegna a capirsi”). Fra gli autori che non conoscevo, ho particolarmente apprezzato l’ironia di Mario Postizzi (”per la donna il tempo diventa un problema estetico, per l’uomo, idraulico” e “lasciata troppo sciolta la libertà è una …

Vedi post:
Aforismul in Italia, antologia di Torino in sintesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code