Camilleri e i suoi lettori, seconda parte

Eccomi di nuovo per continuare a raccontarvi l’evento Camilleri e i suoi lettori che si è svolto all’ Auditorium Parco della Musica di Roma nei giorni 8 e 9 marzo. Questo post è dedicato all’appuntamento Un italiano all’estero. L’Italia vista attraverso il commissario Montalbano a cui hanno preso parte rappresentanti dell’editoria tedesca, spagnola, francese e statunitense. L’elemento comune a tutti questi paesi è l’enorme successo dei romanzi di Camilleri, sorprendente negli Stati Uniti dove di solito il mercato è impietoso con gli autori stranieri. Nei confronti dello scrittore siciliano, invece, racconta Elda Rotor, editor della Penguin, il riscontro dalla rete vendite è sempre più positivo. E lei lo motiva così: “ Gli americani si identificano nei personaggi di Camilleri per la loro umanità e sono felici di immergersi nelle atmosfere di quotidianità che l’autore riesce a creare .” Molto puntuale l’intervento di Marcelle Padovani, che definisce Camilleri “ ambasciatore di un’altra Italia” . Un’Italia ironica e vitale, che non scherza con la legalità, che non è ossessionata dalla televisione e dalle nipoti di Mubarak. Dice ancora: “I libri di Camilleri costituiscono una ragione per continuare ad amare l’Italia. Dopo Sciascia è l’ambasciatore di una Sicilia non mafiosa e illuminista”. Altro merito che la giornalista riconosce allo scrittore è quello di aver riconciliato i francesi con i loro dialetti. L’intervento dello spagnolo Rosales mette in luce un altro aspetto dei libri di Camilleri: l’attenzione riservata al cibo che, insieme all’ironia, …

Fonte originale:
Camilleri e i suoi lettori, seconda parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Camilleri e i suoi lettori, seconda parte

Eccomi di nuovo per continuare a raccontarvi l’evento Camilleri e i suoi lettori che si è svolto all’ Auditorium Parco della Musica di Roma nei giorni 8 e 9 marzo. Questo post è dedicato all’appuntamento Un italiano all’estero. L’Italia vista attraverso il commissario Montalbano a cui hanno preso parte rappresentanti dell’editoria tedesca, spagnola, francese e statunitense. L’elemento comune a tutti questi paesi è l’enorme successo dei romanzi di Camilleri, sorprendente negli Stati Uniti dove di solito il mercato è impietoso con gli autori stranieri. Nei confronti dello scrittore siciliano, invece, racconta Elda Rotor, editor della Penguin, il riscontro dalla rete vendite è sempre più positivo. E lei lo motiva così: “ Gli americani si identificano nei…

Continua qui:
Camilleri e i suoi lettori, seconda parte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.