Cartongesso di Francesco Maino vince il Premio Italo Calvino 2013

Presso il Circolo dei Lettori di Torino è avvenuta la cerimonia di premiazione del Calvino 2013 : la Giuria ha decretato come vincitore Francesco Maino , avvocato penalista a Venezia che prima di esercitare l’avvocatura era necroforo, per la sua opera dal titolo Cartongesso . Queste le motivazioni della vittoria: per la sua natura felicemente ibrida (non è un romanzo né un saggio né un pamphlet) ‒ un difficile azzardo che nulla toglie alla sua capacità di coinvolgimento ‒ e per la straordinaria potenza inventiva della lingua. Un’invettiva contro il disfacimento del Veneto (e, per sineddoche, dell’intera nazione) e la sua trasformazione in un non-luogo di consumi banali, di vite perse in una generale omologazione, di cui è emblema la corruzione della parola. Il libro è un bilancio insieme personale e collettivo, nel quale la disperazione di un individuo e il suo intenso e inquieto disagio diventano una foto di gruppo antropologicamente esatta ed espressivamente efficace. I giurati che hanno valutato i manoscritti finalisti e hanno decretato Maino come vincitore della XXVI edizione del Premio Italo Calvino sono stati Irene Bignardi, Maria Teresa Carbone, …

Vedi post:
Cartongesso di Francesco Maino vince il Premio Italo Calvino 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.