Il buio fifone, di Francesco Enna e Iole Sotgiu

Non è che se un bimbo fa la pipì a letto il problema è proprio del lettino (che guarda caso, al mattino, “ha un’aria furtiva e scivolosa, come di chi l’ha appena combinata grossa”?) E magari, noi che abbiamo paura del buio, abbiamo mai pensato che lui ne ha ancora di più, di noi, che quando lo guardiamo negli occhi “lanciamo certi strilli da far venire la pelle d’oca”? Sono geniali queste storie di Francesco Enna e Iole Sotgiu, illustrate da Cristiana Cerretti. Mi sono molto divertita infatti a leggere il modo in cui la fantasia degli autori riesce a rovesciare – esorcizzandole in una maniera incantevole – le più comuni paure dei bambini. Che succede ad esempio se Dino al banco vuole stare sempre da solo? Il problema, lo si capisce dopo un po’, è che ha un amico immaginario che è…un dinosauro. Basta fargli fare amicizia con l’Amicadrilla di Annalice no? Così smetteranno, fra l’altro, di annoiarsi durante le ore di lezione. Vorrei soprattutto riportarvi qualche brano, per farvi capire che oltre l’idea originale – nei libri per bambini ce ne sono tante – è la scrittura ad essere molto curata e divertente. Ad esempio: la mamma Notte che parla al figlio-Buio. “Sarà davvero come dici…

Vai qui e leggi tutto:
Il buio fifone, di Francesco Enna e Iole Sotgiu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.