Il libretto rosa di Finzioni, la letteratura dal punto di vista dei lettori

Da qualche ora è online sul sito di FinzioniMagazine un documento assolutamente da leggere, il Libretto Rosa di Finzioni , un documento che allo stesso tempo rappresenta una dichiarazione di amore per la Letteratura e una dichiarazione di guerra contro un establishment, quello dell’editoria italiana, che “ha la forma di una piramide alla cui base sta, schiacciato dalla miopia economica e dalla cecità culturale di chi i libri dovrebbe scriverli e diffonderli, il lettore”. Il punto di partenza di questo bel Manifesto – utile come l’ossigeno e geniale come l’acqua fresca nel deserto – è la centralità assoluta nell’esperienza letteraria del Lettore, quel non-personaggio che è il solo a poter attivare un libro trasformandolo in una trottola in movimento, rendendolo vivo, facendolo esistere. L’intero Manifesto redatto dal clan di Finzioni si basa su un Nonalogo , lista a metà tra il Tractatus di Wittgenstein e i comandamenti biblici, che porta finalmente al centro del dibattito il vero paladino delle lettere: il Lettore. I. Leggere è…

Oltre:
Il libretto rosa di Finzioni, la letteratura dal punto di vista dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.