Il manoscritto di Colazione da Tiffany con gli appunti di Truman Capote all’asta

La storia d’amore ambientata ambientata a Manhattan è forse uno dei pochi esempi in cui il film è bello quasi quanto il libro, ora gli appunti originali di Capote sono all’asta. La protagonista di Colazione da Tiffany, Holly Golightly, è convinta che almeno finchè ti ritroverai nella sontuosa gioielleria newyorkese, nulla di male potrà accaderti. Questa è in sintesi una delle chiavi del capolavoro di Truman Capote, che sublima nel cadeaux prezioso il potere da talismano contro le avversità -e le illusioni- dell’esistenza (che non risparmia neppure le atmosfere rarefatte della high society). Leggo su Repubblica che il manoscritto/dattiloscritto originale datato 1958 di 86 pagine, a fine aprile verrà battuto all’asta in una cittadina del New Hampshire. Un plico di fogli ingialliti battuti a macchina che in previsione promette grandi cifre (si vocifera che potrebbe raggiungere quota 250 mila dollari), anche perchè riporta le annotazioni a margine, correzioni e cancellature del suo autore. Se avete amato questo racconto apprezzerete non poco i dettagli del manoscritto (comprese altre memorabilia tipo le ricevute di spedizione

Vedi post:
Il manoscritto di Colazione da Tiffany con gli appunti di Truman Capote all’asta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.