"Il senso del dolore" di Maurizio de Giovanni

“Il senso del dolore”. L’inverno del commissario Ricciardi” passa ancora per i vicoli di Napoli e per i suoi “morti che parlano”. Dopo “Mammarella” e “Gli altri fantasmi” ecco un altro viaggio nella partenope più vera, quella che risuona tra i lastroni di lava percossi dai piedi di quell’uomo di giustizia senza cappello, che abbiamo già visto più volte in azione. E de Giovanni ritorna alle origini, approfittando dell’ennesimo fatto di cronaca sanguinosa, fa un passo indietro per spiegarci la ragione delle “particolarità sensoriali” del suo investigatore. Tra ricordi lontani e ipotesi presto confermate si fa presto ad immaginare uno scenario non proprio edificante, soprattutto per un tenero infante: E Luigi Alfredo aveva compreso che non avrebbe mai più potuto parlarne con nessuno, che quel marchio sull’anima ce l’aveva solo lui: una condanna, una dannazione. Negli anni che seguirono Luigi Alfredo andò definendo i confini del Fatto. Vedeva i morti. Non tutti e non a luogo: solo quelli morti violentemente, e per un periodo che rifletteva l’estrema emozione, l’energia improvvisa dell’ultimo pensiero

Visita il link:
"Il senso del dolore" di Maurizio de Giovanni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.