In porta c’ero io! di Pedro Lenz

“…A Schummertal. Novembre. E il mio cuore era pesante come uno straccio per i pavimenti vecchio e fradicio. (…) Decido dunque di andare al Maison, a prendermi un caffè Fertig. …E’ andata proprio così: in tasca niente, oltre a un paio di sigarette e un po’ di moneta…Ero però in attesa di qualcuno che mi doveva. Ma prova a raccontarlo, appena fuori di galera, prova a dirlo a qualcuno, che a dire il vero ti spetterebbero un sacco di soldi” Un Charles Bukowski svizzero, il protagonista di questo In porta c’ero io! , di Pedro Lenz, che dà voce a Gol, ex tossicodipendente appena uscito di galera che ti conquista dalla prima all’ultima pagina, con la sua scrittura &#…

Leggi oltre nell’articolo originale:
In porta c’ero io! di Pedro Lenz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code