La Canzone del piacere d’amore di Jean-Pierre Claris de Florian

Le pene d’amore accomunano tutte e tutti, indipendentemente dal sesso, dal credo religioso e politico, dall’orientamento sessuale e da tutte le altre variabili possibili e immaginabili. Ci si innamora, si è al settimo cielo per un po’… poi succede qualcosa e tutto si frantuma. Se la bellezza dell’amore sembra essere durata molto poco, le pene d’amore pare che non finiscano mai. Lo descrive bene Jean-Pierre Claris de Florian (1755-1794), pronipote di Voltaire che nella Canzone del piacere d’amore si mostra dotato di un sano scetticismo verso la vita e l’amore. La Canzone del piacere d’amore ebbe molta fortuna anche grazie al musicista italiano Giovanni Battista Martini (1706-1784) che la musicò e la rese celebre in tutto il mondo. Del resto, bisogna essere onesti!, quello che scrive Jean-Pierre Claris de Florian è indiscutibilmente vero! Il piacere d’amore non dura che un istante, le pene dell’amore duran tutta la vita. Tutto ho lasciato per Silvia, quell’ingrata! Lei m’abbandona e sceglie un altro amante. Tutto ho lasciato per Silvia, quell’ingrata! Lei m’abbandona e sceglie un altro amante. “Finché quest’acqua scorrerà dolcemente verso il ruscello che costeggia il prato, io sempre t’amerò”, Silvia mi ripeteva. L’acqua continua a scorrere, ma lei ha preso un altro. “Finché quest’acqua scorrerà dolcemente verso il ruscello che costeggia il prato, io sempre t’amerò”, Silvia mi ripeteva. L’acqua continua a scorrere, ma lei ha preso un altro. Il piacere d’amore non dura che un istante, le pene dell’amore duran tutta la vita. Foto | Ed Siasoco (aka SC Fiasco) via photopin cc La Canzone del piacere d’amore di Jean-Pierre Claris de Florian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.