La Roma di Audrey Hepburn, del figlio Luca Dotti. Le foto raccontano

“Durante i quasi venti anni nei quali mia madre ha vissuto a Roma, molte persone l’hanno conosciuta così…come una donna contenta di accompagnare i figli a scuola o di fare lunghe passeggiate con i suoi cani”. Così Luca Dotti introduce sulla rivista Vanity Fair, Audrey a Roma , raccolta di foto (e catalogo della mostra ospitata anche a Roma nel 2011) dedicato agli scatti più belli che ritraggono l’amata madre Audrey Hepburn durante i decenni che decise di trascorrere nella Città Eterna. Sono bellissime, e il sito della testata ne propone un’ampia selezione, tutta da guardare come “assaggio”. “In queste foto “mamma” (in italiano nel testo, ndr) mi porta al parco o a lezione di nuoto. Incontra le mie maestre, porta a spasso i cani”, oppure va dai “pizzicagnoli”, – aggiunge Luca – “cucina per lei o i suoi amici, specialmente gli spaghetti al pomodoro, il suo piatto preferito. Quando lasciò la città, negli anni ‘80, io ero cresciuto”, spiega lui, che era nato proprio nel ‘70. E’ come se la bellezza e la grazia di Audrey, sempre impeccabile nel suo abbigliamento e nei suoi atteggiamenti, o con la spiritosaggine dei suoi Yorkshire muniti del fiocchetto d’ordinanza, riuscisse incredibilmente ad aggiungere altra bellezza alla magnificenza di Trinità dei Monti. “A volte i suoi momenti privati venivano catturati quando un fotografo capitava vicino a lei mentre passeggiava su una strada vicino Campo de’ Fiori con il marito, magari aspettando la suocera per il pranzo domenicale”, continua. E davvero è come se Audrey “sciogliesse” l’austera freddezza architettonica dell’Eur, attraversato con il suo sorriso leggero e gli occhialoni da sole in decappottabile. O riuscisse a rimettere ordine nella confusione di locandine e cartelloni pubblicitari dell’epoca che già col boom economico del dopoguerra iniziavano a invadere la città. Luca Dotti , Ludovica Damiani Audrey in Rome 24.50 euro Via | Vanity Fair La Roma di Audrey Hepburn, del figlio Luca Dotti. Le foto raccontano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.