La Romanza oggettiva di Erich Kästner sull’amore che finisce all’improvviso

Quando un amore finisce, soprattutto se si è trattato di un amore forte e intenso, si rimane frastornati. Non si capisce come sia potuto accadere che un sentimento così passionale che ha fatto vivere momenti indimenticabili possa terminare. Per giunta all’improvviso. Rimane poco da fare quando si prende coscienza di tale situazione: il silenzio prende il sopravvento e, con esso, si pensa, si rimugina, si fanno ipotesi. Ma si continua a non capire. La Romanza oggettiva di Erich Kästner (1899-1974) si focalizza proprio su questo punto e, a mio modo di vedere, lo fa magistralmente. Kästner è molto noto per i suoi libri per ragazzi (come, per esempio, Emilio e i detectives del 1929, tradotto in italiano da Lavinia Mazzucchetti), ma nella sua opera sono presenti testi per adulti ( Fabian, storia di un moralista del 1931 è un ottimo ritratto dell’ipocrisia). Ma Kästner fu anche poeta che non sono conosciute come meriterebbero. Romanza oggettiva Dopo otto anni che si conoscevano (e possiamo dire

Vedi oltre qui:
La Romanza oggettiva di Erich Kästner sull’amore che finisce all’improvviso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.