"L’Adieu" d’Apollinaire secondo Léo Ferré

Apollinaire manda il suo Adieu . La poesia è una brina sottile, un piccolo sussulto che giunge al limitare della notte, quando il sonno non vuole arrivare e la mente non si rassegna a guardar fuori dalla finestra. In fondo non ci vuol molto a fermarsi un attimo, ma metterlo davvero a frutto, quell’istante rubato allo scorrere frenetico del tempo, è un’arte che non s’impara, ma si assapora lenta in un giorno di pioggia che lascia intravedere la città di Milano in tutta la sua bellezza, attraverso il vetro appannato di un taxi che passa davanti al Castello Sforzesco illuminato. La poesia è nelle parole di un poeta francese, nelle sillabe scritte da Apollinaire per la sua Lou, in quei piccoli segnali che, nella voce di Léo Ferré , diventano

Estratto da:
"L’Adieu" d’Apollinaire secondo Léo Ferré

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.