L’attualità di Pier Paolo Pasolini: sullo Sviluppo e su un "nuovo Potere" fondato sull’edonismo e il disimpegno

La mattina del 2 novembre di 36 anni fa il corpo di Pier Paolo Pasolini fu ritrovato sulla spiaggia dell’idroscalo di Ostia, ucciso a bastonate e investito dalla sua stessa macchina. Uno dei modi per ricordare PPP,uno dei più acuti analisti che l’Italia abbia avuto nella sua storia recente, è risentire le sue parole – come ci ha invitato a fare Roberto nel suo articolo di questa mattina – un’altro è rileggere ciò che ha scritto, non solo per ricordarlo, ma in qualche modo anche per riavvicinarlo a noi. Per questo vi voglio proporre la lettura di un pezzo che Pasolini pubblicò a circa un anno e mezzo dalla sua morte, sulle pagine del Corriere della Sera (che impressione pensare che trent’anni fa sul Corsera ci scrivevano intellettuali di questa portata). Si tratta di un articolo poi incluso negli imperdibili Scritti corsari, dedicato a una tendenza di cui Pasolini vide la nascita: vale a dire «l’omologazione repressiva» ottenuta attraverso «l’imposizione dell’edonismo e della joie de vivre». Questa omologazione repressiva era messa in pratica da un nuovo potere di cui Pasolini riusciva a intravedere soltanto il profilo, «un tutto (industrializzazione totale), e, per di più, come tutto non italiano (transnazionale)». Non riusciva ancora a dargli un nome e una forma, ma ne aveva già intuito la malattia: «la sua smania, per così dire cosmica, di attuare fino in fondo lo Sviluppo, produrre e consumare», ovvero la base del sistema che ci sta portando in questi mesi verso un baratro di cui non possiamo ancora valutare la profondità, ma che è, nondimeno, spaventoso. In queste ore la Grecia sta letteralmente crollando, l’Italia la segue a una certa distanza, ma la segue inesorabilmente, insieme al Portogallo, alla Spagna, all’Irlanda, finanche alla Francia – che non se la passa così bene come crediamo. Insomma, mi sembra che tutto ci porti a pensare che quella dinamica di cui Pasolini ci descrisse la nascita, a…

Vai qui e leggi tutto:
L’attualità di Pier Paolo Pasolini: sullo Sviluppo e su un "nuovo Potere" fondato sull’edonismo e il disimpegno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.