Le formiche, di Boris Vian

Musicista eccelso, traduttore (soprattutto di Chandler) e scrittore per scommessa (vinta, viene da dire, visto il risultato: Sputerò sulle vostre tombe ), sono le principali sfaccettatura di una personalità complessa che si intreccia con i temi dei racconti (temi suoi, certo, ma anche della sua generazione). Il pacifismo e la conseguente critica sociale (spesso i protagonisti sono soldati, proprio come il primo racconto che dà il titolo al libro), ad esempio. Prendiamo il racconto Allievi modello ambientato in una scuola di polizia. In questo racconto ci sono due poliziotti – non esattamente due cime – che non aspettano altro che suonarle a chiunque protesti. Non vedono l’ora, dicono, mangiando una minestra di mostrine, ma alla prima occasione… Quasi sempre, nei racconti,

Segui il post:
Le formiche, di Boris Vian

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.