Le librerie, molto più che negozi. Quella di Notting Hill rischia la chiusura

Ce la ricordiamo per la celebre scena della dichiarazione d’amore di Julia Roberts a Hugh Grant nel film Notting Hill . In realtà, the Travel Bookshop , realmente esistente nel quartiere chic di Londra, a un passo da Portobello, era stata ricreata artificialmente in studio, appositamente per il film. In ogni caso, dopo il film la libreria era divenuta meta di pellegrinaggio di turisti ma, soprattutto, Travel Bookshop era un ritrovo per poeti e scrittori inglesi e non. Tanto che proprio loro si sono inventati un modo geniale per venire in soccorso del calo di vendite. Ovvero, letterati e poeti hanno offerto di lavorare gratis in libreria per un giorno alla settimana ciascuno, sperando di alleviare i costi del titolare e di creare afflusso di pubblico, soprattutto (visto che i figli hanno deciso di non seguire la sua venticinquennale carriera). Ma perchè, mi sono chiesta, non facciamo caso alla chiusura quotidiana di tantissimi negozi (a Roma, dove abito, un migliaio dall’inizio dell&#

Vedi oltre qui:
Le librerie, molto più che negozi. Quella di Notting Hill rischia la chiusura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.