Legge sul prezzo del libro: l’appello dei Mulini a vento

Si discuterà il prossimo 21 settembre al Senato la legge sul prezzo del libro proposta da Richi Levi e subito temuta e osteggiata dalle piccole e medie case editrici e dai librai indipendenti. Ne avevamo già parlato qualche mese fa . La risposta immediata dei “dissidenti” è un appello proposto dai Mulini a vento , vale a dire sei editori indipendenti italiani: instar libri, iperborea, marcos y marcos, minimum fax, nottetempo, voland, il cui sodalizio nasce da “ un comune senso del lavoro editoriale; una passione condivisa per il libro, la lettura e l’editoria; una vocazione per il lavoro di ricerca sulla qualità “. Ginevra Bompiani ha inoltrato oggi una mail in cui chiede a editori e librai di firmare l’appello per scongiurare il pericolo che vengano accordate facilitazioni ai grandi gruppi editoriali a scapito delle realtà più piccole che per ovvi motivi non possono permettersi di applicare grossi sconti. La stessa editrice di Nottetempo incontrerà tra oggi e domani il senatore Vincenzo Vita che ha accettato di rappresentare l’opposizione. Per avere maggiori informazioni sulla normativa italiana e europea a riguardo cliccate qui . Legge sul prezzo del libro: l’appello dei Mulini a vento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code