L’incanto di cenere, di Laura MacLem

L’incanto di cenere , dell’italiana Laura MacLem , è una rivisitazione della favola di Cenerentola. Non nuova alla narrativa (suo è il fantasy Il lamento dell’usignolo , per esempio) è con L’incanto di cenere , in uscita per Asengard, che l’autrice si appresta a essere conosciuta da un pubblico più vasto. Il romanzo racconta la storia di Christelle, la giovane figlia di una strega, morta sul rogo, e di un conte che, come nella celebre fiaba, si risposa. Solo che nel romanzo della MacLem non sono la matrigna e le sorellastre a essere malvagie. Pare lo sia Christelle… La voce di Christelle si fece dura. «Ma mia madre sapeva quel che faceva: lei non avrebbe permesso che mio padre facesse quello che si accinge a fare, e non lo permetterò io. Mai. […] Dicono che il male sia qualcosa dal quale guardarsi […] dicono che i Suoi servitori siano destinati al fuoco eterno. Quando mio padre scoprì chi era mia madre, che cosa era , cercò la più virtuosa delle donne per impedire che accadesse… ma era già troppo tardi. Lei lo derise dal rogo, gli disse che non avrebbe mai potuto fermare quello che aveva iniziato nel suo grembo, che era già accaduto, che nulla sarebbe cambiato. Mentre le fiamme la avvolgevano e la trasformavano in cenere, mia madre lo sfidò a …

Continua a leggere:
L’incanto di cenere, di Laura MacLem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

L’incanto di cenere, di Laura MacLem

L’incanto di cenere , dell’italiana Laura MacLem , è una rivisitazione della favola di Cenerentola. Non nuova alla narrativa (suo è il fantasy Il lamento dell’usignolo , per esempio) è con L’incanto di cenere , in uscita per Asengard, che l’autrice si appresta a essere conosciuta da un pubblico più vasto. Il romanzo racconta la storia di Christelle, la giovane figlia di una strega, morta sul rogo, e di un conte che, come nella celebre fiaba, si risposa. Solo che nel romanzo della MacLem non sono la matrigna e le sorellastre a essere malvagie. Pare lo sia Christelle… La voce di Christelle si fece dura. «Ma mia madre sapeva quel che faceva: lei non avrebbe permesso che mio padre facesse quello che si accinge a fare, e non lo permetterò io. Mai. […] Dicono che il male sia qualcosa dal quale guardarsi […] dicono che i Suoi servitori siano destinati al fuoco eterno. Quando mio padre scoprì chi era mia madre, che cosa era , cercò la più virtuosa delle donne per impedire che accadesse… ma era già troppo tardi. Lei lo derise dal rogo, gli disse che non avrebbe mai potuto fermare quello che aveva iniziato nel suo grembo, che era già accaduto, che nulla sarebbe cambiato. Mentre le fiamme la avvolgevano e la trasformavano in cenere, mia madre lo sfidò a …

Continua a leggere:
L’incanto di cenere, di Laura MacLem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.