L’Osservatore Romano stronca Inferno di Dan Brown

Con un articolo dal titolo L’ultimo Dan Brown? Sembra copiato da una guida turistica a firma di Silvia Guidi L’Osservatore Romano stronca Inferno di Dan Brown. Diciamo che non è poi un’operazione così difficile, ma quello che ho apprezzato di questa recensione distruttiva è il fatto che si muove sull’ironico, senza chiamare chissà quali categorie che, spesso e volentieri, vengono tirate in ballo dal giornale del Vaticano anche per parlare di cose semplici. L’occhiello della recensione inquadra subito il taglio: “ I fiorentini descritti nel predestinato bestseller fanno colazione con olive al forno e lampredotto ” (nota l’autrice: “Per i non toscani: il lampredotto è uno dei quattro stomaci dei bovini, l’abomaso, che viene cotto a lungo con pomodoro, cipolla, prezzemolo, sedano e condito con salsa verde e olio piccante; un piatto povero tipico della cucina locale buonissimo ma inadatto ad accompagnare il cappuccino. Come le olive…

Vedi oltre qui:
L’Osservatore Romano stronca Inferno di Dan Brown

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.