L’universo di Livido: intervista a Francesco Verso.

Un paio di mesi fa, Monica Cruciani ha parlato su queste pagine di Livido , l’ultimo romanzo di Francesco Verso, una delle voci più interessanti della fantascienza italiana che abbiamo avuto occasione di intervistare e che ci parla del romanzo e di una nuova iniziativa che gira intorno a Livido. Tu definisci il tuo tipo di narrativa Future Fiction. Perché? Ho trovato questa definizione nella prefazione al romanzo di Anthony Burgess “The Wanting Seed” (Il seme inquieto, Fanucci). L’autore conia questo termine per sottrarre importanza all’aspetto scientifico del genere “science-fiction” nei suoi romanzi “Arancia Meccanica” e “Il seme inquieto” e mettere invece in risalto l’aspetto futuristico – inteso in maniera più totalizzante – legato alla società, alla lingua, alla politica, all’antropologia. Per questo “future fiction” è un termine molto calzante per il genere di narrativa che porto avanti da alcuni anni, la quale si inserisce comunque nel solco della narrativa di speculazione, di anticipazione e della new-wave anni ‘70 . Come si inserisce Livido nella Future Fiction? Livido è ambientato in una …

Oltre qui:
L’universo di Livido: intervista a Francesco Verso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.