Memento. I sopravvissuti, di Julianna Baggot. Distopia post-apocalittica

Memento. I sopravvissuti , di Julianna Baggott , è il primo volume di una trilogia distopica e post-apocalittica americana in corso di scrittura. La Baggott, che è romanziera sia per adulti che per adolescenti ed è sul mercato, con vari pseudonimi, dagli inizi del millennio, è anche poetessa, saggista e professore associato di scrittura creativa presso l’Università della Florida. I diritti cinematografici di Memento ( Pure ), apprezzato da critica, pubblico, editori e scrittori (Danielle Trussoni, Justin Cronin) e pubblicato solo a febbraio 2012, sono già stati acquisiti da Fox 2000, che ha battuto l’offerta della Dreamworks, anch’essa interessata all’adattamento del libro al grande schermo. La storia si ambienta nel futuro. Le Detonazioni hanno quasi distrutto la Terra. I sopravvissuti si dividono in due gruppi. I Puri , quelli che sono riusciti a rifugiarsi in una Sfera ad alta tecnologia progettata per resistere ai disastri ambientali, e gli altri, quelli che non hanno potuto accedere alla Sfera e vivono in ciò che resta del mondo. Spesso convivendo con mutazioni, o meglio con fusioni (un po’ weird e grottesche, in verità, e anche inquietanti) con ciò che era nelle vicinanze al momento delle esplosioni (persone, animali, oggetti). La protagonista femminile, Pressia , che ha una mano bizzarramente mutata e al tempo delle Detonazioni aveva solo 6 anni, vive col nonno in un vecchio negozio di barbiere. Fuori dalla Sfera. E’ alla vigilia del compimento dei 16 anni e quindi del reclutamento nella ORS, ufficialmente un’organizzazione di aiuto per i sopravvissuti, di fatto una forza paramilitare tirannica e disumana. Ad essa la ragazza intende scappare inoltrandosi in passaggi sotterranei di cui, però, si sa molto poco. Il protagonista maschile, Partridge , vive, invece, nella Sfera. Qui, i ragazzi che non hanno subito mutazioni, i c.d. Puri , devono sottoporsi a test di varia natura, volti al miglioramento fisico e …

Vedi l’articolo originale:
Memento. I sopravvissuti, di Julianna Baggot. Distopia post-apocalittica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

Memento. I sopravvissuti, di Julianna Baggot. Distopia post-apocalittica

Memento. I sopravvissuti , di Julianna Baggott , è il primo volume di una trilogia distopica e post-apocalittica americana in corso di scrittura. La Baggott, che è romanziera sia per adulti che per adolescenti ed è sul mercato, con vari pseudonimi, dagli inizi del millennio, è anche poetessa, saggista e professore associato di scrittura creativa presso l’Università della Florida. I diritti cinematografici di Memento ( Pure ), apprezzato da critica, pubblico, editori e scrittori (Danielle Trussoni, Justin Cronin) e pubblicato solo a febbraio 2012, sono già stati acquisiti da Fox 2000, che ha battuto l’offerta della Dreamworks, anch’essa interessata all’adattamento del libro al grande schermo. La storia si ambienta nel futuro. Le Detonazioni hanno quasi distrutto la Terra. I sopravvissuti si dividono in due gruppi. I Puri , quelli che sono riusciti a rifugiarsi in una Sfera ad alta tecnologia progettata per resistere ai disastri ambientali, e gli altri, quelli che non hanno potuto accedere alla Sfera e vivono in ciò che resta del mondo. Spesso convivendo con mutazioni, o meglio con fusioni (un po’ weird e grottesche, in verità, e anche inquietanti) con ciò che era nelle vicinanze al momento delle esplosioni (persone, animali, oggetti). La protagonista femminile, Pressia , che ha una mano bizzarramente mutata e al tempo delle Detonazioni aveva solo 6 anni, vive col nonno in un vecchio negozio di barbiere. Fuori dalla Sfera. E’ alla vigilia del compimento dei 16 anni e quindi del reclutamento nella ORS, ufficialmente un’organizzazione di aiuto per i sopravvissuti, di fatto una forza paramilitare tirannica e disumana. Ad essa la ragazza intende scappare inoltrandosi in passaggi sotterranei di cui, però, si sa molto poco. Il protagonista maschile, Partridge , vive, invece, nella Sfera. Qui, i ragazzi che non hanno subito mutazioni, i c.d. Puri , devono sottoporsi a test di varia natura, volti al miglioramento fisico e alla moderazione emotiva per la repressione di atteggiamenti potenzialmente ribelli. Contrario a queste procedure, infelice per la morte del fratello e la freddezza del padre, il ragazzo, ritenendo che la madre possa essere ancora viva, decide di fuggire dalla Sfera e di inoltrarsi nel…

Segui il post originale:
Memento. I sopravvissuti, di Julianna Baggot. Distopia post-apocalittica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code