Patrizio Cacciari narra insolite storie di Roma

Narrare storie e aneddoti specifici di un luogo credo che sia la migliore guida per il luogo stesso: l’angolino di città, la particolarità del paesaggio, la bellezza di un’opera d’arte rimangono più vividamente impresse nella mente (e nel cuore) se associate ad un qualche racconto che, in un certo senso, ha la capacità di renderli vivi, al di là dei meri dati storici. È per questo che trovo particolarmente interessante il libro di Patrizio Cacciari, 101 storie su Roma che non ti hanno mai raccontato , edito nella simpatica collana Centouno della Newton Compton . Nelle circa trecento pagine che compongono il libro – illustrato da Davide Fabrizi – si percepisce proprio la vita che spesso c’è tra le vie della Capitale, soprattutto se lasciamo da parte la macchina e i mezzi pubblici e ci avviamo a piedi in ascolto della Storia. Dice Cacciari nell’introduzione: “Ho scritto questo libro dopo aver messo insieme i miei ricordi di bambino, i racconti dei nonni a cui non avevo mai dato peso. Ho raccolto vecchi articoli di giornale […], tra gli scaffali di vecchie librerie del centro. Ho offerto da bere ai barboni, ho preso l’autobus con gli immigrati, ascoltato i discorsi della gente, parlato con i tassisti, ho fatto la fila alle poste insieme ai vecchietti. Ho girato bische, bar e trattorie. Mi sono fermato nelle vecchie botteghe a osservare il lavoro degli artigiani, i loro grembiuli sporchi e le mani callose. […] Ho frugato nei cassetti dei miei vecchi zii, rispolverato appunti presi in anni di professione giornalistica, ho cercato in ogni angolo di Roma materiale orale che potesse aiutarmi a ricostruire e a dipingere quella che è diventata oggi la mia città”. Tra le tante storie che …

Link:
Patrizio Cacciari narra insolite storie di Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.