Pianissimo, libri sulle strade di Sicilia

Un curioso furgoncino-libreria per promuovere la cultura della lettura. Filippo Nicosia ha deciso di raccogliere la sfida lanciata il 9 luglio 2013 da Federico Novaro , autore di un post destinato a rimettere profondamente in causa nel suo blog la formula dei Saloni e delle Fiere del libro. Manifestazioni a suo dire lontane dal lettore vero e dall’intento di “promuovere la lettura a prescindere”, soprattutto nel suo versante critico. Un sassolino piccolo, ma pesante, e soprattutto lanciato nel modo giusto e pronto a dar vita ad iniziative di reazione, come quella di Filippo Nicosia che quella pietruzza l’ha raccolta, asciugata, lisciata e trasformata con le parole, nella lettera al link e soprattutto con i fatti. Azioni che hanno portato dritti a Pianissimo , un progetto itinerante nato per “portare libri e storie alle persone, che esse siano già lettori o no. Perché tutti abbiamo bisogno di storie.” Quello che Pianissimo vuole fare è spronare, domandare, capire se possiamo continuare a produrre un numero elevatissimo di libri, molti dei quali invisibili eppure con pari dignità, perdendo, dall’altro lato, costantemente lettori. Ho sentito che questa era una cosa che mi riguardava da vicino perché il libro è una cosa sulla quale penso di investire la mia vita, le mia modesta intelligenza e capacità. Quello che potevo fare è un “gesto”, un piccolo viaggio che non cambierà di una virgola il destino del libro e non innalzerà certo il numero di lettori in questo paese. Ma almeno ti ha impegnato …

Segui questo link:
Pianissimo, libri sulle strade di Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *