"Punto e a capo – prima parte" di Eschedaprile

Può sembrare sciocco, e persino leggermente infantile, ma ho sempre creduto che in fondo la scrittura sia una specie di appunto a margine, di annotazione personale che prende la forma che gli si da, la consistenza e lo spessore che si desidera, il contorno che ci appartiene e che, spesso senza neanche accorgercene, plasmiamo come sfondo alle storie che leggiamo. Ecco perché un racconto non è semplicemente un insieme di frasi legate da una progressione logica, temporale o tematica. Un racconto è un sentiero, che si estende a vista d’occhio e del quale, quasi sempre, non si può assolutamente misurare né prevedere l’evoluzione. Tutto questo sproloquio perché fuori piove, oppure perché mi sono ritrovata ad immaginare il protagonista della storia incrociata, l’ho visto affondare per un attimo nella sua poltrona, guardando i vetri sporchi d’acqua e di vento. Tutto questo per spiegare la scelta …

Vai avanti:
"Punto e a capo – prima parte" di Eschedaprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code
 

"Punto e a capo – prima parte" di Eschedaprile

Può sembrare sciocco, e persino leggermente infantile, ma ho sempre creduto che in fondo la scrittura sia una specie di appunto a margine, di annotazione personale che prende la forma che gli si da, la consistenza e lo spessore che si desidera, il contorno che ci appartiene e che, spesso senza neanche accorgercene, plasmiamo come sfondo alle storie che leggiamo. Ecco perché un racconto non è semplicemente un insieme di frasi legate da una progressione logica, temporale o tematica. Un racconto è un sentiero, che si estende a vista d’occhio e del quale, quasi sempre, non si può assolutamente misurare né prevedere l’evoluzione. Tutto questo sproloquio perché fuori piove, oppure perché mi sono ritrovata ad immaginare il protagonista della storia incrociata, l’ho visto affondare per un attimo nella sua poltrona, guardando i vetri sporchi d’acqua e di vento. Tutto questo per spiegare la scelta dell’immagine, per dar ragione di questa istantanea di un altro orizzonte (ugualmente umido) “incollata alla bene e meglio” su un testo che all’origine non le apparteneva. Sono solo parole, si potrebbe obiettare, pacchetti ordinati di lettere ritrovati su Eschedaprile , il blog che si definisce “spazio letterario autogestito” e distilla emozioni in punta di tasto nella puntata intitolata “Punto e …

Continua qui:
"Punto e a capo – prima parte" di Eschedaprile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code