Recensione di Tu sei il male, Roberto Costantini

Bellissimo il primo capitolo di una trilogia che promette di essere avvincente, Tu sei il male è il thriller antropologico che racconta i mali sociali del nostro paese. Mi ha catturato sin dall’inizio Tu sei il male di Roberto Costantini (editore Marsilio – I Gialli) che inizia la sua saga (questo è il primo di tre libri) nel 1982; il protagonista è un poliziotto, dal passato oscuro. E già sei spinto a procedere nella lettura di una storia thriller dove i buoni non sono mica tanto buoni e i cattivi sono nascosti sotto ampi strati di vicende dolorose, sedimentate a partire quasi sempre dalla tenera età. Come a riconfermare un’ennesima volta che quello che ti succede quando sei bambino o adolescente (e soprattutto, quali schemi reattivi ti costruisci per sopravvivere), condizionerà inesorabilmente il resto della tua esistenza. Senza scampo. Gli orientali lo chiamano karma, da noi è il destino; e Balistreri, il protagonista, se lo porta appresso come un macigno. Solo che non è dato sapere di cosa si tratti, almeno in questo libro che è stato definito “ il giallo della stagione “. Ma poco importa, perchè l&#

Oltre:
Recensione di Tu sei il male, Roberto Costantini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.