Recensioni atipiche: Frankenstein di Maria Scella

L’ultimo prodotto delle scuole creative italiane è questo strano romanzo di Maria Scella (uno pseudonimo dietro cui, dicono dalla casa editrice, si nasconde un nome importante) un romanzo che porta addosso ben visibili i segni di una costruzione narrativa a tappe forzate, probabilmente rivista pesantemente in fase di editing, tipica di un prodotto che, come questo, pare essere stato scritto essenzialmente per partecipare a un concorso letterario (forse lo Strega?). In ogni caso, la trama è molto semplice, fin troppo: un ricercatore universitario precario, abbandonato dai Baroni, decide di proseguire da solo le sue ricerche e crea, grazie a

Leggi oltre nell’articolo originale:
Recensioni atipiche: Frankenstein di Maria Scella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.