Sezione suicidi, di Antonin Varenne

«È strano, sa, ho un pappagallo che si chiama Churchill, come quel viale lì. Churchill odia l’umanità. […] Era di mia madre. E sono cresciuto con lui. Era l’unico maschio di casa. […] Mia madre si prostituiva, ed era d’accordo con lui. […] Sa cosa pensa il mio pappagallo? […] pensa che l’uomo sia l’unica specie al mondo che si potrebbe sopprimere senza alcuna conseguenza». Così si presenta Richard Guérin, il protagonista di Sezione suicidi , giustamente osannato in Francia e appena uscito per Einaudi Stile Libero, e lo fa in una situazione ben strana: sta parlando con un uomo che vuole farla finita buttandosi nelle acque fredde e nere della Senna. Guérin è il capo della Sezione suicidi della polizia di Parigi, il…

Fonte originale:
Sezione suicidi, di Antonin Varenne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.