Stolen. Figlia della luna, di Kelley Armstrong. Arriva l’atteso seguito di Bitten

Stolen. Figlia della luna , di Kelley Armstrong , è il secondo volume della nota serie urban fantasy/paranormal romance per adulti Women of the Otherworld . Il primo libro, Bitten , ci aveva raccontato il viaggio di una donna, Elena Michaels , verso l’accettazione di se stessa, della propria natura (il morso e la trasformazione in licantropo ci richiamano alla mente il cambiamento, l’evoluzione e infine la crescita di una persona); un viaggio, quello verso il vecchio clan di lupi mannari in pericolo, che l’aveva riportata verso un grande amore negato, metafora di ogni amore di cui, con poco senso della prospettiva, si sia portati a cogliere i soli lati negativi (quante volte succede nella vita di ogni giorno?). Bitten quindi, puntando su aspetti più “seri” rispetto a lavori di altre “colleghe di genere” aveva forse messo in secondo piano la costruzione di una storia originale e con essa anche il world-building e la creazione di una mitologia fantastica più definita e brillante. Ne era risultato un romanzo sicuramente ben …

Leggi oltre nell’articolo originale:
Stolen. Figlia della luna, di Kelley Armstrong. Arriva l’atteso seguito di Bitten

One Response to Stolen. Figlia della luna, di Kelley Armstrong. Arriva l’atteso seguito di Bitten

  1. LadyAileen ha detto:

    Elena è un personaggio reale e molto particolare: cinica, dura, coraggiosa, arrogante, ribelle, indipendente ma con le sue fragilità. La caratterizzazione dei personaggi (principali e non) è ben fatta e credibile. Personaggi davvero interessanti.
    Se nel volume precedente la storia era incentrata principalmente sulla storia d’amore tra Elena e Clay, la difficile accettazione della sua natura di licantropo, il suo passato e il perdono verso chi l’ha resa tale, in questo, vedremo consolidare il loro rapporto ma conosceremo anche le protagoniste dei prossimi volumi e le altre creature soprannaturali che popolano questa serie (sono tante).
    Naturalmente non poteva mancare il risvolto “giallo” che questa volta riguarda un gruppo di sadici umani che rapisce e tortura tali creature. Stavolta i “cattivi” sono gli umani.
    E’ una storia cruenta, originale, coinvolgente e con la giusta dose d’azione, colpi di scena e mistero.
    L’unica pecca è che ci sono momenti in cui l’autrice tende ad essere troppo descrittiva e questo rente il romanzo in alcuni punti un po’ lento.
    Il finale non lascia l’amaro in bocca e ci sono già le basi per il prossimo romanzo.
    Se cercate un urban fantasy dallo stile diretto e graffiante, questo fa al caso vostro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.