Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, di Luis Sepulveda

Da una parte c’è l’elogio della lentezza come valore da riscoprire in contrapposizione al predominio della fretta e della frenesia dei nostri giorni. Dall’altra, l’invito a farsi domande, a scoprirsi, a interrogarsi sulla propria essenza come strada verso la consapevolezza e l’accettazione di sè. La “ Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza ” narra di un popolo di lumache che vive nel prato chiamato Paese del Dente di Leone, sotto la frondosa pianta del calicanto. Sono lente e silenziose, nascoste dallo sguardo avido dei predatori. Accettano di buon grado la loro esistenza, e si rivolgono l’un l’altra chiamandosi genericamente “lumaca”. Tutte eccetto una, che desidera avere un nome e  scoprire le ragioni della lentezza. Con questo scopo intraprende un viaggio che la porterà a conoscere un gufo malinconico e una saggia tartaruga,

Vedi post:
Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza, di Luis Sepulveda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.