Una poesia per la domenica. Wallace Stevens

“Compiacimenti della vestaglia, e tardo/caffè e arance in una sedia assolata”. Quanto mi fa domenica questa poesia dell’inglese Wallace Stevens (1879-1955), nei suoi primi versi. Serpeggia in sottofondo la commemorazione sacrificale cristiana, percepita come ‘buia invasione di quella vecchia catastrofe”. La giornata, nella domenica di Stevens, è come ‘acqua vasta, senza suono’. Compiacimenti della vestaglia, e tardo caffè e arance in una sedia assolata, e la libertà verde di un cacatua su un tappeto si mescolano per dissipare il silenzio sacro del sacrificio antico. Lei sogna

Visita il post:
Una poesia per la domenica. Wallace Stevens

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.