White Arrogance. Cosa dicono gli africani di quello che i bianchi pensano di loro

Gli africani hanno il senso della musica. Gli africani sorridono sempre. Gli africani sono tranquilli. Ma quanti sono gli stereotipi sugli africani? E già dire “africani” è uno stereotipo: l’Africa è un continente, non uno stato. Se diciamo gli italiani, i francesi, i tedeschi e via dicendo dovremmo anche dire i burkinabé, i nigeriani, i congolesi e così via. Gli stereotipi sugli abitanti del continente africano sono così tanti che nemmeno ce ne rendiamo conto. È per questo che trovo interessantissima la pubblicazione, da parte di Quintadicopertina, dell’eBook White Arrogance. Cosa dicono gli africani di quello che i bianchi pensano di loro (disponibile in ePub, mobi e pdf) a cura di Antonella Sinopoli. Il libro è interessante sia per il contenuto – che si snoda in sette capitoli: Stereotipi, nel mondo ci vedono così… ; Cooperazione, aiuti internazionali e sviluppo ; Politiche dello sviluppo e sfruttamento ; Sull’etnia ; Orgoglio e coscienza nazionale ; Come la raccontano giornali e tv ; Raccontare un’altra storia – che, soprattutto, per il fatto che in White Arrogance sono loro, gli africani, a parlare in prima persona. Scrive Sinopoli nella prefazione: Caratteristica dello stereotipo è la rigidità e resistenza al tempo. Ma oggi i tempi forniscono anche la possibilità di un’informazione più democratica, meno filtrata e potenzialmente accessibile a tutti. Il web 2.0 mette a disposizione strumenti unici di comunicazione e conoscenza, basati sull’interscambio, la ricerca individuale e la partecipazione attiva. Una libertà di espressione che si è voluto mettere in risalto in questo e-book. Cosa pensano loro, gli africani? Quali sono le loro reazioni agli stereotipi e pregiudizi che li coinvolgono? Cosa…

Link:
White Arrogance. Cosa dicono gli africani di quello che i bianchi pensano di loro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code