You are what you read!

Trentuno secondi anche se non serve un video per ricordarci che “siamo quello che leggiamo”. Una buona fetta di coloro che “consumano piacevolmente” le ore delle quali dispongono, in abitudini di lettura, sanno bene quanto ci sia di guadagnato in quegli attimi di “sana solitudine”, sottratta alla routine delle altre occupazioni quotidiane, per trasformarsi in fertile materia onirica. Ogni qual volta riesco ad immergermi, anche per il breve spazio di una mezz’ora, nelle pagine profumate d’inchiostro, mi sembra già di aver dato un ottimo senso alla giornata in corso. Se poi ci si aggiunge che, quegli stessi scorci di caratteri scuri che si sono impressi nella memoria, molto spesso prima di addormentarmi, si

Leggi il seguito:
You are what you read!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.