Barnes&Nobles e la crisi: i primi effetti degli ebook

La notizia di una possibile cessione del colosso delle librerie americane Barnes&Nobles circolava da un po’, ma ora pare che si sia data un’accelerata alla vendita di una delle più grandi catene librarie americane. Dunque, pare proprio che uno dei capisaldi della grande distribuzione Usa (e stiamo parlando di 720 punti vendita, 300milioni di libri venduti ogni anno), costretto nelle morse della crisi, stia per vendere il suo pacchetto azionario.Negli ultimi quattro anni le azioni Barnes&Nobles hanno perso circa il 70% del proprio valore, e nemmeno il Nook, il lettore ebook creato con lo scopo di rilanciare l’azienda (ve lo avevamo recensito qui ), è riuscito a risollevare i bilanci, soprattutto a causa dalla concorrenza (del Kindle). Insomma, la Barnes&Nobles sembrerebbe essere una delle prime vittime (eccellenti) della rivoluzione che sta attraversando il mondo del libro, e dalla quale possiamo trarre alcune considerazioni. Se anche una libreria di catena è sull’orlo del fallimento, ciò significa che le librerie…

Continua qui:
Barnes&Nobles e la crisi: i primi effetti degli ebook

Minotauro di Péter Nádas

Le Edizioni Zandonai – che hanno ricevuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali la menzione speciale del Premio nazionale per la Traduzione edizione 2009 come editore italiano che contribuisce alla diffusione della cultura straniera nel nostro Paese – torna in libreria con una interessantissima raccolta di racconti: Minotauro di Péter Nádas. Due sono gli elementi, a mio avviso, che fanno della lettura dei testi di Nádas (tra i più importanti e apprezzati scrittori ungheresi contemporanei) una esperienza veramente unica. Il primo è esterno , per così dire, ed è costituito dalla copertina (del resto Zandonai ci ha abituati a splendide copertine): una foto di Korana Šegetalo-Delić – dall’emblematico titolo The Cure for Boredom Is Curiosity – ci mostra gli occhi azzurri di un bimbo che, curiosi, guardano fuori. È un invito a leggere i racconti non solo con gli occhi di un bambino ma anche con la necessaria curiosità e disponibilità a lasciarsi condurre in una narrazione che racconta di luoghi e situazioni a volte, forse, lontani dalla nostra cultura. L’altro elemento è dato dallo stile di scrittura di Péter Nádas: fedele al titolo – Minotauro – i racconti hanno il sapore del labirinto e, come spirali, diventano sempre più inestricabili, quasi claustrofobici. Per rendersene conto basta leggere il racconto Via – il …

Leggi questo articolo:
Minotauro di Péter Nádas

Legge sul prezzo del libro: l’appello dei Mulini a vento

Si discuterà il prossimo 21 settembre al Senato la legge sul prezzo del libro proposta da Richi Levi e subito temuta e osteggiata dalle piccole e medie case editrici e dai librai indipendenti. Ne avevamo già parlato qualche mese fa . La risposta immediata dei “dissidenti” è un appello proposto dai Mulini a vento , vale a dire sei editori indipendenti italiani: instar libri, iperborea, marcos y marcos, minimum fax, nottetempo, voland, il cui sodalizio nasce da “ un comune senso del lavoro editoriale; una passione condivisa per il libro, la lettura e l’editoria; una vocazione per il lavoro di ricerca sulla qualità “. Ginevra Bompiani ha inoltrato oggi una mail in cui chiede a editori e librai di firmare l’appello per scongiurare il pericolo che vengano accordate facilitazioni ai grandi gruppi editoriali a scapito delle realtà più piccole che per ovvi motivi non possono permettersi di applicare grossi sconti. La stessa editrice di Nottetempo incontrerà tra oggi e domani il senatore Vincenzo Vita che ha accettato di rappresentare l’opposizione. Per avere maggiori informazioni sulla normativa italiana e europea a riguardo cliccate qui . Legge sul prezzo del libro: l’appello dei Mulini a vento

L’inventore della luce, di Samantha Hunt

I libri, si sa, raccontano storie. Più le storie sono “particolari”, più mi piacciono i libri che le narrano. Così è con il libro di Samantha Hunt dal titolo L’inventore della luce (Alet, 2010). Il libro – il cui titolo originale, molto più affascinante di quello italiano, è L’invenzione di tutto il resto – narra la storia di Nikola Tesla , uno dei più importanti ingegneri elettronici del secolo XX, che ha “inventato” la corrente alternata (è grazie a lui che possiamo accendere la luce). Tanto famoso, quanto, spesso, sconosciuto. L’autrice racconta gli ultimi anni di vita di Tesla, romanzando l’incontro con una cameriera del New Yorker Hotel in cui Tesla viveva. Leggere L’inventore della luce è un modo interessante e originale di conoscere la vita di un uomo che ha cambiato quella nostra. Il libro è frutto di lunghe ricerche bibliografiche, di laboratorio e di archivio della Hunt e il risultato è una piacevole lettura, anche se a volte ci si perde un po’ troppo tra scienza e pensieri, progetti e sogni, biografia e romanzo. Splendida la copertina che, veramente, apre le porte di un mondo. Samantha Hunt L’inventore della luce traduzione di Simona Sollai Alet, 2010 ISBN 978-88-7520-158-6 pp. 272, euro 15 L’inventore della luce, di Samantha Hunt