Libri autopubblicati: quali sono i più belli?

Ok. E’ andata così: dopo tutti i miei bei discorsi (condivisi da alcuni di voi) sull’editoria a pagamento, che non crea cultura etc…è successo. Ero in fila alla cassa alla Feltrinelli e ho visto un cartello che mi suonava come una presa in giro, e che diceva pressappoco: e se invece di leggere il prossimo libro fossi te a scriverlo? Stiamo molto calmi, ho pensato. Sarà magari uno di questi concorsi letterari a tema sostenuti dall’editore Feltrinelli. Macchè era solo la pubblicità di Miolibro.it, che promette la possibilità di pubblicare (a spese proprie) un testo e poi poterlo vendere anche sul sito della Feltrinelli. Sì, perchè è vero: in America sono tanti i libri che stanno avendo successo grazie al passaparola, autopubblicati dall’autore e poi best seller (vedi Il club delle ricette segrete ). Però, dico: ma come si fa a sperare di riuscire a ’sfondare’ come scrittore/scrittrice? Si ha una ‘vetrina’ dove esporsi? Il mio libro sul sito lafeltrinelli.it può essere ‘trovato’ solo se già si conosce il titolo.

Leggi oltre:
Libri autopubblicati: quali sono i più belli?

365 giorni di buona tavola di Beppe e Giuseppina Bigazzi: non solo un libro di ricette

La cucina responsabile è quella che usa ingredienti a chilometri zero, prodotti di stagione ed evita le elaborazioni. Questo, in sintesi, è il messaggio dell’ultimo libro di Beppe Bigazzi, “365 giorni di buona tavola” (Giunti), scritto con la moglie Giuseppina. Un manuale di consigli e di ricette in cui la storia personale del noto enogastronomo si incrocia con le ricette della tradizione italiana. La narrazione è scorrevole, ironica, sagace, e ripercorre la storia della cultura enogastronomica del Bel Paese che a fine di ogni capitolo viene “concretizzata” nel piatto attraverso le ricette della tradizione. Ricette semplici e buonissime che tutti possono realizzare con facilità precedute tutte da un racconto intimo e appassionato dell’autore, raccolte e narrate da Giuseppina Bigazzi. Un libro che va oltre il semplice ricettario, diventando un vero e proprio bignami di consigli, di riflessioni, si attenzione a tutto quello

Vedi l’articolo originale:
365 giorni di buona tavola di Beppe e Giuseppina Bigazzi: non solo un libro di ricette

Rileggendo “E venne chiamata Due Cuori” di Marlo Morgan

E venne chiamata Due Cuori di Marlo Morgan è la nostra proposta di rilettura. Il romanzo autobiografico della Morgan ha avuto un notevole successo editoriale negli USA e in Italia sono stati venduti circa 600.000 esemplari del libro. La narrazione, classificabile nella corrente “new age di qualità”, ripropone il tema del viaggio come esperienza catartica e come mezzo per una completa metànoia spirituale e umana. Marlo Morgan viene invitata a lavorare in Australia dove non può non essere colpita dalle condizioni in cui vivono gli aborigeni. Per lei, americana, l’emarginazione in cui versano i nativi australiani ha dello sconvolgente, ma ancora più spiazzante è notare come colleghi di alta scolarizzazione considerino gli aborigeni degli inetti, incapaci di produrre cultura e destinati, proprio per questo, all’estinzione. La Morgan decide allora di prendere contatto diretto con gli “uomini veri”, gli aborigeni, appunto, restandone affascinata. Dopo un lento e doloroso processo di purificazione sotto la guida attenta della tribù

Visita il post:
Rileggendo “E venne chiamata Due Cuori” di Marlo Morgan

Libri per l’estate: La scarpetta nel piatto di Nenella Impiglia

Un libro leggero e divertente, dedicato prima di tutto a se stessa perché raccoglie le sue passioni ed il suo destino: scarpe e gastronomia. Sto parlando di La scarpetta nel piatto di Nenella Impiglia, famosa per essere imprenditrice di successo nel mondo della calzatura ed esperta di moda. Il libro, facile da leggere e leggero nei contenuti, propone una panoramica della vita dell’imprenditrice, dalla nascita alla realizzazione personale, passando dal suo amore per le Marche ed il suo paese, Serra San Quirico. Ma cosa centra, vi chiederete voi, la scarpetta con il piatto? La scarpetta è facile da immaginare: parliamo di una donna che sta facendo la storia della moda con marchi come Vic Matié e Oxs, il piatto, invece, è la sua seconda passione, fatto di tradizioni e galateo a tavola, di riscoperta di leggende e miti della gastronomia marchigiana. Fino ad un simpaticissimo abbinamento: piatti e abbigliamento. Un piatto di spaghetti diventa un bel sandalo con brillanti, un buon vino una stola ricamata… Insomma, c’è da divertirsi nel leggere questo agile libretto, sicuramente adatto alle letture estive sotto l’ombrellone. Buona lettura! Nenella Impiglia La scarpetta nel piatto Ethos Edizioni 156 pp. – 18 euro Libri per l’estate: La scarpetta nel piatto di Nenella Impiglia