Castelli di rabbia di Alessandro Baricco

Il primo libro che ho letto di Alessandro Baricco. Mi era piaciuto tantissimo allora, l’ho riletto qualche anno fa e non sono più riuscito a finirlo…

Belli i personaggi (il pazzoide sognatore romanticamente illuso Pekisch su tutti) però alla fine la leziosità di Baricco prevale sulla sua indubbia capacità di saper raccontare una storia. Contiene comunque alcuni momenti a mio avviso molto alti.

Castelli di rabbia Alessandro Baricco

Recensione di Nicola Boschetti

Branchie di Niccolò Ammaniti

Libro comprato per caso e letto sul dondolo, d’estate. Dopo un inizio triste e angosciante, il racconto prosegue in un’escalation di follia fino al finale a sorpresa. E’ stato uno dei pochi libri (insieme al mitico “La versione di Barney”) che mi ha fatto ridere davvero, sonoramente (se qualcuno ti vede ridere mentre leggi un libro pensa che sei un pazzo…).
Opera primis di quello che si rivelerà il migliore tra i giovani autori italiani con i romanzi “Ti prendo e ti porto via”, “Io non ho paura” e “Come Dio comanda”.
Consigliato.

Branchie, Niccolò Ammaniti, 1997.

Branchie
Copertina del libro

Recensione di Montag

Aspetta primavera, Bandini di John Fante

Prosa spedita e lineare, descrive la testimonianza autobiografica e romanzata di John Fante. Con ironia e occhio cinematografico Fante racconta la vita di Arturo, maccarone o broccoletto nella vecchia grande America.
Suo papà Svevo è uomo rude, cresciuto in Abruzzo ma già con cittadinanza americana. La mamma, Maria Toscana, condanna il marito a vivere come un randagio, sospettandolo di tradimento.
Intanto il Colorado è sotto la neve.
Arturo accudisce i fratellini a suo modo: il mitico August (che adesso sarà arciprete) e Federico.
Nel frattempo sogna il suo amore: Rosa. E adesso viene Natale… e la nonna.

Fante è di facile lettura ma molto intenso, sintesi perfetta tra cosa si racconta e come lo si racconta.
Bravo “Hank” nel definirlo uno dei maestri.

Patrimonio dello stato italiano!!

Oh Marie, ohi Marie… quanto suonno aggiù pers pettè, famme durmì, famme durmì…
Louis Prima, Oh Marie.

Aspetta primavera, Bandini – John Fante, 1938.

Aspetta primavera, Bandini
Locandina di un film dell’89
Regia di Dominique Deruddere

Recensione di Montag

Una questione privata di Beppe Fenoglio

Il libro racconta l’ amore di Milton per Fulvia, durante la resistenza italiana.

Milton è un ragazzo, è un partigiano, è un uomo di legno, è indistruttibile.
Solo chi ha fatto la guerra può rendersi conto dei limiti che può raggiungere il corpo umano.
Milton si getta in imprese disperate, si priva del sonno e della fame, vive nel freddo e sotto la pioggia, su e giù per colline fangose alla ricerca di Fulvia, della verità su Fulvia e sul suo amico Giorgio….
Milton è un uomo solo che si staglia contro il cielo della guerra, alla ricerca di sè stesso.
Beppe Fenoglio scrive con uno stile ficcante e poetico allo stesso tempo. E’ incredibile la sua capacità di abbinare parole che unite tra loro diventano magiche. Il suo romanzo raggiunge i livelli di “Per chi suona la campana” che valse il Nobel ad Hemingway.
Indimenticabile.

Una questione privata, Beppe Fenoglio, 1963.

Le Langhe, dove è ambientato il romanzo

Recensione di Montag