Tag Archives: archivio

Femminismo radicale

Assurta alle cronache mondiali come la pazza che sparò ad Andy Warhol e ricordata nel tempo solo per questa ragione, Valerie Solanas fu invece una figura cruciale della controcultura degli anni Sessanta, frequentatrice del Greenwich Village e della Factory. Lesbica dichiarata, icona del femminismo radicale, è l’autrice del celebre SCUM Manifesto (1967). Oggi ritorna alla ribalta, oggetto di rinnovato interesse da parte dei nuovi femminismi radicali. Rosaria Guacci e Francesca Pasini, con le curatrici Stefania Arcara e Deborah Ardilli, presentano Trilogia SCUM (VandA ePublishing

Vedi l’articolo originale:
Femminismo radicale

Un aperitivo aiuta la scelta?

Sì, soprattutto se offerto da noi insieme a qualche suggerimento sui libri che valgono: da leggere, rileggere, regalare. Ce ne intendiamo anche di libri… Credeteci.

Continua qui:
Un aperitivo aiuta la scelta?

BOOK CITY MILANO 2017 – La vita cubista di Gertrude Stein.

  Gertrude Stein è stata un’intellettuale inclassificabile, irruente, volitiva, in ogni senso fuori misura. Emigrata dagli Stati Uniti ed entrata a piè pari nella Parigi delle avanguardie di inizio Novecento con l’intenzione di diventare una famosa scrittrice, nella sua leggendaria casa di rue de Fleurus in cui viveva con la compagna Alice Toklas, ha ospitato Picasso, Braque, Dalì, Hemingway, Fitzgerald… e tutti gli artisti e scrittori imprescindibili del suo tempo. Per conoscerla meglio e festeggiare la nuova edizione della sua Autobiografia di tutti (Nottetempo 2017), nella storica traduzione di Fernanda Pivano, ci troviamo con Giulia Niccolai e Bianca Tarozzi. Letture di Anna Nogara, presenta Annarosa Buttarelli.

Altro:
BOOK CITY MILANO 2017 – La vita cubista di Gertrude Stein.

BOOK CITY MILANO 2017 – Anne Sexton. “Il mio lavoro sono le parole”: vita e poesia oltre i limiti

  Parole anticipatrici di scoperte del femminismo: dalla relazione madre-figlia alla centralità del corpo, dalla necessaria trasformazione dell’immaginario nelle fiabe e nella religione allo svelamento della riduttività della liberazione sessuale, dalla gioia e dalla lotta per il senso del proprio dire a tanto altro. Una visione originale e potente sul mondo di una delle voci poetiche più innovative e ricche del Novecento. Ne discutiamo con Cristina Gamberi, traduttrice e curatrice di Anne Sexton, La zavorra dell’eterno, (Crocetti 2016) e con la poeta Elena Petrassi. Proiezione di un video con la voce di Anne a cura

Visita il post:
BOOK CITY MILANO 2017 – Anne Sexton. “Il mio lavoro sono le parole”: vita e poesia oltre i limiti