Viaggiare…è anche una questione di cibo

Viaggiare significa prima di tutto fare nuove esperienze e venire a contatto con gli usi ed i costumi della località visitata.
Ed in questi usi e costumi si deve necessariamente annoverare anche il cibo.

Piatti locali, cibi, specialità... perchè il viaggiare è anche una questione di gusti nuovi.

Certo non è sempre facile il paragone con la propria cucina, ma davvero non ci si può sottrarre all’esperienza culinaria.

Viaggiare: anche una questione di cibo

Come abbiamo detto un viaggio non può definirsi completo se non lo si assapora fino in fondo. E quando diciamo “assapora” intendiamo il fatto che anche il gusto ed il cibo vogliono la loro parte.
Assaporare, provare nuovi piatti é il suggerimento! 

Naturalmente ci possono essere delle eccezioni: diciamo che se formiche e cavallette vi causano nausea al solo pensiero, potete pensare a delle alternative. Per esempio frutta e verdura, oppure i dolci sono in genere meno distanti dai nostri gusti e più “facilmente gustabili”.

Un altro aspetto è quello di scegliere culture locali e biologiche.

L’agricoltura biologica

Si sente sempre con maggiore frequenza parlare di agricoltura biologica, anche se non tutti quanti sapremmo definirla.  Vediamo quindi cosa s’intende con il termine agricoltura biologica:

L’agricoltura biologica è un tipo di agricoltura che sfrutta la naturale fertilità del suolo favorendola con interventi limitati, vuole promuovere la biodiversità delle specie domestiche (sia vegetali, che animali), esclude l’utilizzo di prodotti di sintesi e degli organismi geneticamente modificati (OGM).

Grazie a degli approfonditi studi si è scoperto che un terreno coltivato secondo le norme dell’agricoltura biologica porta ad avere un suolo sano. Ed i benefici ci saranno non solo sul terreno, ma anche sulle colture stesse che saranno in grado di soddisfare un fabbisogno di persone maggiore rispetto alla coltivazione di altra natura.

Facciamo però attenzione: agricoltura biologica non vuol dire senza il completo utilizzo di tecnologia: gli strumenti da lavoro vengono di certo utilizzati per facilitare il compito.  Ne sono un esempio le livellatrici laser capaci di dare la giusta forma al terreno, oppure gli impianti di irrigazione professionali per fornire il giusto apporto d’acqua alle coltivazioni.

Una delle maggiori aziende italiane, leader nella produzione di macchinari per l’agricoltura è Novakche crea appunto livellatrici laser e gps.

Infine…

Dopo questa digressione, torniamo al nostro viaggio ed i cibi da provare. 

Perchè, anche se non sapremo mai se i macchinari utilizzati sui terreni da cui derivano i cibi che abbiamo nel piatto di fronte a noi sono quelli di Novak, per noi sarà importante per noi sarà aver viaggiato e aver davvero vissuto tutti gli aspetti di quella cultura, compreso il cibo.

One Response to Viaggiare…è anche una questione di cibo

  1. Mara ha detto:

    E’ proprio vero! Non si può fare a meno di viaggiare (magari verso località che ancora non si conoscono) senza assaggiare i piatti tipici del luogo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.