Spiedo Bresciano: il re dei piatti tipici

Se c’è una cosa che rende particolarmente apprezzato e ricercato un piatto, un’attrazione o un qualsiasi altro piacere personale è il fatto che sia in un qualche modo proibito.

Se lo spiedo bresciano, in case private, può essere cucinato senza vincoli o restrizioni, non è la stessa cosa per chi vuole mangiare lo spiedo di Brescia in ristoranti, agriturismi o trattorie. Lo spiedo bresciano, infatti, è un piatto tipico venatorio a base di carne cucinato con animali da cortile (carne di coniglio, pollo, anatra, maiale) e carne di uccellini da cacciagione.

Proprio il componente più squisito, cioè gli uccellini ottenuti tramite la caccia, sono stati vietati per motivi sanitari (e qualcuno osa dire anche politici). Come si può notare anche da questo articolo del Corriere in tutte le battaglie di questo tipo, infatti, si vedono contrapporsi i tradizionalisti del centro destra ai progressisti del centro sinistra che stanno cercando sempre più di bandire quelle attività come la caccia in favore di una maggior “protezione” per la natura ma senza pensare ai danni economici che questo può portare in zone dove, la cacciagione, muove veramente una buona parte di economia locale.

Se è vero che uno spiedo bresciano cucinato con uccelli da allevamento non è il “vero spiedo”, è anche vero che rimane un piatto ricercatissimo dagli abitanti di tutte le province di Brescia, Bergamo, Cremona e del Mantovano anche se cucinato senza la presenza di uccellini.

Tutta questa “premura” di degustare lo spiedo bresciano presso ristoranti o agriturismi, e non di cucinarselo in casa, deriva dal fatto che cucinare uno spiedo è tutt’altro che facile e veloce. La ricetta originale dello spiedo bresciano, infatti, vuole che la sua cottura venga fatta a fuoco molto lento e sia molto lunga ed impegnativa: circa 5 ore.

Oltre a questo, va detto che anche la fase preliminare alla cottura, cioè la spiedatura durante la quale i pezzi di carne vengono infilzati sulla spada, è piuttosto impegnativa da fare, non è alla portata di tutti perché per svolgerla correttamente c’è bisogno di una certa esperienza, e soprattutto va fatta il giorno antecedente alla cottura in quanto la carne va lasciata riposare per una notte in modo che il sangue residuo contenuto al suo interno possa gocciolare ed “asciugarsi”.

Tutti questi fattori, fanno si che la maggior parte delle persone che non sono pratiche del settore preferiscano pagare 35 o 40€ per mangiare un buono spiedo bresciano nei ristoranti della provincia di Brescia, piuttosto che dover fare una fatica immane per cucinarlo nella propria casa e poi trovarsi a mangiare uno spiedo di Brescia che in realtà non gli assomiglia per nulla in quanto preparato senza le dovute attenzioni.

Lo spiedo bresciano a tavola viene accompagnato da un’abbondante portata di polenta bagnata con il burro fuso utilizzato durante la cottura dello spiedo. I vini ideali da degustare quando si mangia lo spiedo bresciano sono vini rossi, serviti a temperatura ambiente, e dal gusto corposo. Tra tutti quelli in commercio non si può che optare per il groppello ed in generale per tutti i vini della zona del Garda!

Per chi volesse avere un punto di riferimento online riguardo allo spiedo bresciano, la ricetta dello spiedo bresciano ed i ristoranti migliori di tutta la provincia in cui poterlo degustare, consigliamo questo sito che è nato e sviluppato proprio con l’intento di fornire informazioni complete a riguardo e, soprattutto, in modo che ci si attenga il più possibile alla ricetta più antica e tradizionale di questo fantastico piatto: Il Vero Spiedo Bresciano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.