Invasione di italiani e fuga di Canari!

pag27_20141207_105724-300x126Da Tenerife, in diretta dall’Oceano Atlantico!

Il numero di persone originarie di Santa Cruz che risiedono fuori dalla Spagna è aumentato di oltre il 75% negli ultimi sei anni, e oggi oltre 31.000 chicharreros vivono all’estero. In un solo anno il numero di persone registrate nel comune che sono andate a vivere fuori della Spagna è aumentato di quasi il 7%. Solo lo scorso anno, un totale di 14.107 persone ha lasciato le Canarie per destinazioni all’estero. La maggior parte delle persone di Santa Cruz che hanno lasciato il paese negli ultimi anni sono giovani che devono affrontare un futuro occupazionale incerto sulle isole a causa della crisi, e vista la diffusa disoccupazione e un mercato del lavoro sempre più precario han visto nell’espatrio l’unica possibilità di successo.  Un ragazzo dopo sei anni di lavoro come amministrativo è stato licenziato e si è ritrovato a lavorare come aiutante di cucina. Poi ha capito che a Londra, per lo stesso lavoro, era pagato più del doppio e oltretutto aveva l’opportunità di imparare l’inglese. Qualcuno è stato assunto in una multinazionale ed è finito ai lati opposti del mondo. Un appassionato di musica si è trasferito in Olanda, dove spera di potersi costruire una posizione. A Santa Cruz purtroppo lo aspettava qualche concerto molto saltuario, e pagato ben poco. Apparentemente un laureato in turismo non dovrebbe avere problemi a trovare lavoro in un’isola che ha ospitato l’anno scorso cinque milioni di visitatori. Ma dopo diversi mesi alla ricerca di posti di lavoro adatti al suo livello di formazione, è stato chiaro che avrebbe dovuto andarsene all’estero se voleva trovare lavoro nel suo settore.

I giovani chicharreros che han dovuto espatriare concordano sul fatto che almeno nel giro di pochi anni non si potrà tornare sull’isola. Fino a quando le condizioni migliorano resteranno all’estero, nessuno di loro è sembrato entusiasta di tornare nella capitale senza un lavoro, per stare in casa e andare in spiaggia…

(da la Redazione di www.leggotenerife.com)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.