Dal 26 ottobre in libreria iJobs, la biografia non autorizzata di Mr Apple

Da Giovanni Paolo II a Micheal Jackson , passando da Pavarotti e da Lady D, fino ad arrivare a quello che sarà quasi certamente il morto dell’anno, Steve Jobs , uno degli uomini più decisivi degli ultimi anni: è quasi una regola che quando un personaggio celebre muore, nel giro di poco tempo esce una sua biografia, più o meno autorizzata . Questa volta ci ha pensato Riccardo Bagnato, giornalista, collaboratore di Repubblica, che proprio in questi giorni sta consegnando le bozze suo iJobs, biografia non autorizzata di Mr Apple, che uscirà nelle librerie il 26 ottobre. Apparentemente il libro non sarà un’agiografia, e questa è già una notizia, sarà al contrario un ritratto il più fedele possibile di un uomo difficile, esigente e ossessivo. Il fenomeno istant book si conferma dunque sempre di moda e come potrebbe essere il contrario? Un prodotto editoriale che richiede un decimo dei tempi normalmente necessari per uno slow book e che spesso garantisce vendite record e relativi incassi da capogiro. Insomma è un ottimo investimento. In particolare poi questo iJobs fa parte di una tipologia, tra le varie che compongono la galassia istant book, che sembra garantire i migliori risultati in termini di vendite e che, proprio per questo, è la più diffusa. Si tratta dei death book – giusto per coniare un ulteriore neologismo – vale a dire quei prodotti editoriali che ripercorrono le biografie di personaggi celebri, quasi sempre del mondo dello spettacolo, a pochi giorni dalla loro morte. Cinismo o semplice fiuto per gli affari? Voi che ne pensate? Via | Repubblica Foto | Flickr Dal 26 ottobre in libreria iJobs, la biografia non autorizzata di Mr Apple

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code