La pigrizia dei lettori italiani: un punto a sfavore delle piccole librerie

Il titolo si riferisce ai dati diffusi dall’Aie sulle abitudini di lettura degli italiani: crescono infatti gli acquisti nelle librerie (+2,5%) e in maniera superiore a questa media gli acquisti nelle grosse librerie di catena (+4,3%). Dati incoraggianti anche per la vendita on line (+13%). A risentire del calo generale del settore, che si attesta intorno al 4%, sono soprattutto le librerie a conduzione familiare (-2,2%). Perchè imputo alla pigrizia dei lettori la crisi delle piccole librerie? Dipende secondo me dalle responsabilità del lettore , di cui avevamo già parlato: noi italiani leggiamo poco e soprattutto leggiamo male. Ci buttiamo sui best seller e sui soliti noti. Magari scegliamo i libri direttamente dalla top ten dei più venduti sui portali online. Ci affidiamo alle ‘vetrine’ di librerie virtuali o reali. E’ forse una colpa? Non ha ognuno diritto di leggere, come direbbe Pennac, quello che gli

Oltre qui:
La pigrizia dei lettori italiani: un punto a sfavore delle piccole librerie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.