Festivaletteratura Mantova 2013, a valigie pronte Pessoa ritorna

Ai nastri di partenza, ultime ore di riposo prima della partenza per Mantova. Eccoci di nuovo qui per parlare del Festivaletteratura 2013 . Dopo il post di presentazione di lunedì, i nostri pensieri sono ormai concentrati sulla partenza. A valigie chiuse e con occhi ed orecchie desiderosi di fiondarsi tra le stradine del centro cittadino, ripetiamo mentalmente programmi ed aspettative, ripercorrendo a mente una serie di suggestioni che saranno la spina dorsale del nostro festival. Una quattrogiorni di ascolto e di partecipazione che siamo pronti a raccontarvi descrivendo umori e angoli, storie e protagonisti. Domani, dopo (rigorosamente nell’ordine) un primo tratto in taxi fino all’aeroporto, un volo internazionale, un bus, qualche stazione della metro, un treno delle ferrovie dello stato e una passeggiata a piedi saremo infatti nei luoghi del festival, dai quali ci impegneremo nello nella narrazione. Per adesso, quando la stanchezza della giornata comincia prendere il sopravvento sull’adrenalina, ritornano certe parole: La vita è ciò che facciamo di essa. I viaggi sono i viaggiatori. Ciò che vediamo non è ciò che vediamo ma ciò che siamo. Fernando Pessoa, “Il libro dell’inquietudine” (1992, pag. 98) da it.wikiquote.org/wiki/Fernando_Pessoa Via

Altro:
Festivaletteratura Mantova 2013, a valigie pronte Pessoa ritorna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Retype the CAPTCHA code from the image
Change the CAPTCHA codeSpeak the CAPTCHA code