Il caso di Amanda Hocking, ovvero sui Web Fiction Authors, nuovi corsari dell’editoria

L’intero mondo della scrittura, messo fortemente sotto pressione dall’importanza sempre maggiore che la realtà digitale sta assumendo – dalla scrittura su web alla diffusione degli ebook – sta vivendo un periodo decisivo, ma anche molto difficile da interpretare. Gli stessi addetti ai lavori sono divisi: da una parte quelli che si sono fatti contagiare da un entusiasmo che solo un cambiamento di portata epocale può giustificare; dall’altra, invece, quelli che oscillano tra una sorta di scetticismo sulla reale portata del cambiamento in atto e un vero e proprio terrore per gli effetti che questo potrà avere sul loro lavoro, che siano essi giornalisti, editori o scrittori. Proprio in questi giorni, per esempio, si sta discutendo moltissimo, in America, di u n nuovo fenomeno che sta sconvolgendo il mondo della scrittura , un fenomeno che negli States è in espansione e che sta sbarcando anche in Europa. Oltreoceano li hanno già battezzati Web Fiction Authors , si tratta di scrittori che, emarginati o rifiutati dal sistema editoriale, diventano editori di se stessi e pubblicano i propri libri in formato ebook a proprie spese, ottenendo risultati sconvolgenti. Il miglior esempio di questo fenomeno sembra essere Amanda Hocking , 26enne di Austin, in Minnesota, che negli ultimi anni ha pubblicato otto romanzi e un racconto, vendendoli con un successo incredibile su Amazon, Barnes & Noble, Apple, e Smashwords in formato digitale a prezzi che oscillano tra i 3 e i 5 dollari. La dimensione approssimativa di questo “successo incredibile” è, se ci basiamo su dati indicativi pubblicati negli States, di circa 100mila copie vendute ogni mese: una cifra veramente astronomica. Inutile dire che un fenomeno del genere può far perdere il sonno a chiunque lavori nel settore dell’editoria, anche perché lo spettro che si aggira per il mondo editoriale, terrorizzandolo, è la possibilità che prenda piede un vero e proprio terremoto capace di sconvolgere tutta la filiera, vale a dire la crescita esponenziale di questi scrittori-editori, capaci, grazie alle nuove tecnologie che il web mette …

Leggi qui il resto:
Il caso di Amanda Hocking, ovvero sui Web Fiction Authors, nuovi corsari dell’editoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.