Il dono delle Furie, di Elizabeth Miles

Il dono delle furie , di Elizabeth Miles , è il primo volume della serie urban fantasy YA, con tocco mitologico, The Fury e il romanzo d’esordio della scrittrice e giornalista americana. Il dono delle Furie racconta la storia di Emily e Chase, due adolescenti che frequentano le superiori in una piccola cittadina del Maine, Ascension. Come moltri altri ragazzi compiono azioni egoistiche che portano a certe conseguenze. Tutto potrebbe finire lì, con normali rimorsi e sensi di colpa ( Em perchè ha una storia con Zach , il fidanzato della sua migliore amica, Gabby ; Chase – il migliore amico di Zach, stella del football, ma ragazzo povero, che proviene da una famiglia difficile e cerca di entrare nelle grazie dei ricchi & popolari – perchè ha fatto… qualcosa che si capirà solo alla fine). Ma ad Ascension il caso vuole che i ragazzi siano “sotto controllo”. E il controllo è quello delle Furie , per le quali il senso di colpa, per le conseguenze che le azioni dei ragazzi hanno provocato, non basta. Non basta davvero. Le Furie, qui rappresentate da tre belle e giovani sorelle appena arrivate in città, hanno come scopo quello di distruggere le persone che fanno qualcosa che loro ritengono riprovevole. Nessuna clemenza, nessuna tendenza alla giustificazione, nessuna “visione in prospettiva”. Chi sbaglia viene punito. A causa di questo scopo, persone che si sono pentite o che potrebbero modificare certi attegiamenti (se Em guardasse un po’ più in là, scoprirebbe che non è Zach il ragazzo che potrebbe farla felice, ma qualcun altro&#…

Leggi oltre nell’articolo originale:
Il dono delle Furie, di Elizabeth Miles

One Response to Il dono delle Furie, di Elizabeth Miles

  1. LadyAileen ha detto:

    Se il titolo fosse stato FURIA e la trama più criptica forse la suspense sarebbe stata maggiore, questo perché per gran parte del romanzo non si fa alcun riferimento a queste creature mitologiche (ben poco viene svelato dei loro poteri e origini).
    Questo libro è una sorta d’introduzione e il finale finisce proprio sul più bello, pertanto non resta che attendere il prossimo volume per scoprire come andrà a finire (sicuramente invoglia a continuare).
    I personaggi principali sono Emily una ragazza che si è macchiata della colpa di essersi innamorata del fidanzato della sua migliore amica e Chase un ragazzo popolare ma povero che non esita a comportarsi male (confesso che la sua storia è quella più triste). I punti di vista si alternano fra i due ragazzi senza però creare troppi problemi al lettore.
    Una caratterizzazione dei personaggi interessante, uno stile scorrevole, trama intrigante con la giusta dose di colpi di scena, atmosfere inquientati, originale la scelta di mescolare la mitologia con il mondo moderno e una bellissima copertina ma ad essere sincera mi aspettavo qualcosa di diverso.
    Non ho apprezzato la libertà di cui godono gli adolescenti di questa storia: bevono alcol (non solo birra) e i genitori sono spesso e volentieri assenti. Si comportano praticamente da adulti e dubito che guarda caso tutti i personaggi siano sprovvisti di genitori un po’ più interessati a quello che fanno.
    Una lettura che tratta anche temi seri come il suicidio, “l’importanza” della popolarità, la consapevolezza che come ci si comporta, un giorno così si verrà ripagati.
    Vedremo cosa riserverà il prossimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *